Che cos’è l’analisi degli scostamenti cash flow?

Che cos’è l’analisi degli scostamenti cash flow?

Un vecchio adagio inglese così recita: “Turnover is vanity, profit is sanity but cash is reality!”, tradotto in parole povere significa che i volumi di fatturato ed i margini di profitto sono sì importanti e degni di considerazione, ma i flussi di cassa rappresentano l’elemento portante di qualsiasi azienda, e saperli gestire in maniera corretta farà sicuramente la differenza tra il successo ed il fallimento.

L’analisi degli scostamenti è parte integrante del cosiddetto controllo di gestione (CdG), ossia quel meccanismo operativo tramite il quale la direzione aziendale, a prescindere dal settore di competenza, potrà assicurarsi che le risorse acquisite vengano impiegate in modo efficace per poter raggiungere e perseguire gli obiettivi aziendali prefissati in fase di pianificazione operativa.

Che cos’è il Controllo di Gestione

Il CdG (controllo di Gestione) può essere definito come lo strumento attraverso il quale un imprenditore potrà gestire il proprio business con consapevolezza, avendo una visione globale, con informazioni chiare e dettagliate, potendo così prendere decisioni tempestive ed opportune.

Gli step che vanno a comporre un CdG sono rappresentati dalla programmazione e stesura del budget, e dall’analisi di scostamento dal budget periodico ed annuale.

Ma facciamo un passo indietro, partendo dal concetto di cash flow (flusso di cassa, in italiano).

Che cos’è il cash flow

Il cash flow è la ricostruzione dei flussi monetari, e quindi la differenza tra le entrate e le uscite monetarie, di un’azienda in un determinato arco di tempo; in sostanza, rappresenta il denaro vero e proprio che entra ed esce da un’azienda, sia, ad esempio, dalla cassa che dalla banca.

Avere consapevolezza della propria liquidità è fondamentale, ed è quindi buona norma tracciare il cash flow con costanza, monitorandolo quindi ciclicamente: il monitoraggio può essere settimanale, mensile oppure trimestrale.

I flussi sono di due tipi:

  • flussi di cassa positivi (quando gli incassi superano le spese)
  • flussi di cassa negativi (quando invece le spese superano i guadagni).

La differenza tra flussi di cassa positivi e profitto

È basilare chiarire subito una cosa: la differenza tra flussi di cassa positivi e profitto. Spesso infatti i due elementi vengono erroneamente sovrapposti e confusi. I flussi di cassa rappresentano, come detto in precedenza, gli introiti e le uscite di denaro di un’impresa, e servono per mandare avanti l’attività (operazioni quotidiane, tasse, costi operativi, stipendi) mentre il profitto è il surplus che si realizza quando le spese sono state detratte dalle entrate.

Che cos’è l’analisi degli scostamenti cash flow?

L’analisi degli scostamenti, come precedentemente accennato, è un processo inerente il CdG, che va ad agire sul budget: è un’attività di verifica dei dati di bilancio provvisori, rispetto a quanto stimato in fase di budget, che permette all’azienda di fare confronti e la sua funzione è dunque quella di mettere in evidenza le differenze, comprenderne le cause e quindi adottare eventuali correzioni.

I dati che vengono analizzati e confrontati possono essere, ad esempio, i ricavi, i costi caratteristici, i costi di struttura ed il costo del lavoro, e questa operazione permette concretamente di rilevare le differenze tra ciò che era stato preventivato e quello che poi si è realmente realizzato in termini economici.

Quando un imprenditore vorrà sapere se sia giunto il momento di investire, piuttosto che tagliare qualche spesa, l’analisi degli scostamenti verrà in suo aiuto, dandogli modo di prendere le decisioni che più si adattano alle sue specifiche necessità.

Nel momento in cui un’azienda stila un budget, esso rappresenta la rotta che si dovrà seguire, una sorta di tabella di marcia, e l’analisi degli scostamenti assumerà il ruolo di un controllore, che potrà sincerarsi della riuscita o meno di ciò che si è pianificato.

Per un imprenditore può essere utile anche conoscere quali siano le differenze rispetto ai valori registrati durante l’esercizio dell’anno precedente, in quanto esso rappresenta un’esperienza reale già vissuta e pertanto già ben nota. Per questo motivo, l’analisi degli scostamenti può assumere una forma più articolata e comprendere anche le differenze sui valori registrati nel corso del precedente esercizio.

Dunque, l’analisi degli scostamenti altro non è che un’elaborazione dei dati contabili, e la sua finalità è quella di fornire all’imprenditore informazioni utili a prendere le giuste decisioni per il corretto svolgimento dell’attività d’impresa.

A chiusura di quest’articolo, un’altra locuzione presa in prestito dall’inglese: “Cash is king”, il denaro è il re, il Dio onnipotente che regola l’attività imprenditoriale: un’azienda incapace di saper gestire, monitorare ed analizzare i flussi di cassa è un ‘impresa che non potrà garantire, e garantirsi, l’autofinanziamento.

Sarà per lei difficile mettere in atto gli investimenti necessari per essere sempre competitiva sul mercato, e quindi si troverà molto più facilmente e frequentemente in seria difficoltà nel produrre la liquidità necessaria per mantenersi operativa.

La capacità di poter sempre garantire una congrua riserva di capitale permetterà, al contrario, di poter sviluppare un modello di business flessibile per poter crescere e generare profitto, e sopravvivere anche in tempi ostili ed avversi.

Share




Contattaci


Nome


E-Mail


Telefono


Messaggio


Congratulations. Your message has been sent successfully.
Error, please retry. Your message has not been sent.



  • Manager o leader? Due figure diverse per la leadership in azienda


    Molto spesso in contesti aziendali si sente parlare di management e leadership correndo il rischio di associare i due termini a uno stesso ruolo, ricoperto da una singola figura professionale. In realtà i due ruoli all'interno di un'azienda sono nettamente distinti perché le figure possiedono competenze specifiche che si discostano tra loro.  Preso atto di ciò, in questo articolo si cercherà di chiarire i concetti e le distinzioni che assumono un leader e un manager all'interno di una stessa azienda. Il leader all'interno di un'azienda: chi è e quale ruolo ricopre.

  • La successione aziendale: come gestire il passaggio generazionale.


    Un tema molto delicato per ogni azienda è rappresentato dal passaggio generazionale che dovrà essere valutato con un buon anticipo, per evitare di tralasciare punti fondamentali per la stessa attività. Il passaggio generazionale è un evento intenso non solo a livello di dati, procedure tecniche o eventi economici ma, soprattutto, dal lato psicologico. È difficile lasciar andare una propria "creatura" nelle mani di qualcun'altro con la certezza che i propri valori vengano rispettati.

  • Analisi di portafoglio: cliente, prodotto e vendita


    Nella maggior parte delle aziende affinché tutto sia gestito al meglio si parla, molto spesso, di analisi di portafoglio, ma cos'è esattamente? Qui cercheremo di spiegare a grandi linee tutto lo studio e l'attenzione che c'è dietro. L'analisi di portafoglio è una procedura utilizzata nel management in grado di chiarire su quali business l'azienda dovrebbe investire, su quali non conviene e, soprattutto, la quantità di investimenti necessaria perché si riduca al minimo il rischio di perdita. Il fine ultimo di questa prassi è proprio quello di evidenziare tutte quelle attività volte a far crescere l'azienda, chiarire i punti deboli e muoversi in questo enorme labirinto chiamato "mercato economico”.

  • Crisis management: cos’è e come e come gestire crisi aziendali


    Il crisis management è il processo con il quale un’organizzazione fronteggia una situazione potenzialmente dannosa per le prestazioni e la fama aziendale, attraverso l’impiego di alcune pratiche che possano così prevenire, gestire e sedare gli esiti svantaggiosi della crisi. Il crisis management è dunque necessario per far fronte a problemi ed interruzioni che sopraggiungono nelle diverse fasi che compongo un qualsiasi tipo di business, siano essi provocati da eventi interni o esterni alla società, e che daranno vita ad una serie di ripercussioni negative, quali danni di produttività, d’immagine, ed in casi estremi, il fallimento.

  • Gestione clienti: guide e consigli per gestire la clientela


    “Noi consideriamo i nostri clienti come ospiti invitati a una festa, dove noi siamo i padroni di casa. Il nostro lavoro di ogni giorno è quello di rendere ogni importante aspetto dell'esperienza del cliente un po' migliore.” Questo concetto appartiene a Jeff Bezos, fondatore di Amazon.com e parla da solo. Il segreto del successo di un'azienda è, senza dubbio, la gestione delle relazioni con i propri clienti. La gestione del cliente è una parte molto importante nella gestione di un’azienda, un qualcosa che deve essere ben definito e strutturato perché parte fondamentale per il buon funzionamento di un team, indipendentemente dal modello di business che si persegue. Possedere un portafogli clienti molto vasto non è necessariamente segno di successo, proprio perché se la gestione dei clienti non viene fatta in modo assertivo, quei contatti saranno proprio questo: contatti e non clienti.

  • Come aumentare il fatturato dell’azienda


    In un mercato sempre più spietato e competitivo, un imprenditore che abbia come obiettivo quello di mantenere la propria attività in salute e soprattutto competitiva dovrà per forza di cose conoscere minuziosamente l’andamento finanziario del proprio business, avendo quindi sempre sotto controllo la mole di fatturato e la liquidità presente in cassa, per evitare problemi, ridimensionamenti o addirittura il fallimento. Aumentare il fatturato è certamente uno dei desideri più ricorrenti per qualsiasi imprenditore o direttore del marketing che si rispetti, e come riuscire ad incrementare le vendite di prodotti e servizi, realizzando più ricavi, è anch’essa una delle domande più frequenti.




Leave a Reply

Your email address will not be published.


Comment


Name

Email

Url