Attività commerciali redditizie: su cosa puntare oggi?

Attività commerciali redditizie: su cosa puntare oggi?

In un mondo che corre sempre più veloce le idee devono essere innovative e al passo con i tempi per diventare vincenti. Capire il mercato e individuare i settori più redditizi non è semplice ma non impossibile: l’intraprendenza dei giovani unita all’innovazione e ad alcune logiche strutturate del fare impresa stanno pian piano rivoluzionando il mondo e la sua economia. Ma quali sono considerati i business migliori? Alcuni si consolidano, altri si rinnovano e non mancano idee originali, scopriamone alcune.

Spesso sentiamo parlare del gap innovativo che il nostro paese ha rispetto ai colossi occidentali dell’economia, eppure in Italia stanno fiorendo numerose startup, idee e proposte che si concretizzano negli ambiti più variegati.

La creatività nel Bel Paese è da sempre un punto di forza, la storia lo testimonia e il futuro punta tutto sull’ingegno italico. Ma quali sono i business più richiesti in Italia al giorno d’oggi? Quali sono le attività in linea alle tendenze economiche nazionali e mondiali?

In un mondo in movimento e interconnesso, tra i settori in ascesa troviamo quello delle consegne a domicilio. Amazon ha aperto la strada a tante realtà che si sono specializzate in innumerevoli fronti rendendo la vita del consumatore estremamente semplice, a prova di click.

Un macro settore che può disorientare chi vorrebbe trasformarlo in un business, uno dei metodi che si rivela molto utile è quello di focalizzarsi sulle risorse del proprio territorio.

In Italia non mancano gli spunti, in un paese dagli innumerevoli beni, il Made in Italy è richiesto non solo entro i confini nazionali ma in tutto il mondo. Per fare un esempio, l’enogastronomia ha moltissima richiesta e il business specializzato nel campo della vendita dei vini a domicilio è tra le attività più gettonate.

Un altro settore che ha creato e continua a creare la fortuna di numerosi imprenditori in tutto il mondo confermandosi in continua ascesa, è quello legato agli investimenti immobiliari.

Secondo gli esperti, tra gli approcci migliori al settore c’è quello degli “immobili a reddito”, una strategia che implica delle risorse piuttosto cospicue da investire all’inizio di un’attività: si parte da almeno 15-20 mila Euro di capitale. Altro discorso è il crowdfunding immobiliare, la logica che sta cambiando il settore sempre più diffusa nel mondo, compreso nel nostro paese.

In Italia infatti è possibile accedere a tantissime piattaforme che ci permettono, anche con investimenti limitati di 50-100 Euro, di partecipare a diversi progetti di costruzione o riqualificazioni di appartamenti e complessi immobiliari di grosse dimensioni.

La gestione viene effettuata tramite piattaforme ad hoc che permettono di investire ovunque senza uscire di casa. Molti di questi programmi offrono rendimenti molto interessanti che si avvicinano spesso al 10%, un’attività digitalizzata con delle promettenti prospettive per chi ha il fiuto dell’immobile.

Il mondo del web offre innumerevoli possibilità per fare business, dalle attività più remunerative a quelle più indicate per arrotondare le entrate mensili dedicando poco tempo e con il minimo sforzo.

Un suggerimento utile è l’attività on-line dei sondaggi retribuiti. In un’epoca dove la libertà di espressione e l’opinione sono alla base della società, modellare un business che le incentiva si rivela spesso una carta vincente.

In un mondo moderno ed interconnesso, anche la comunicazione è un tassello fondamentale. Risulta chiara l’importanza delle lingue straniere, prima tra tutte l’inglese, ormai molto richiesta in numerose realtà lavorative.

Secondo gli esperti l’apprendimento è molto più semplice durante l’infanzia o durante la giovane età, sono infatti numerose le famiglie italiane che investono per lo studio della lingua straniera dei propri figli.

Questa tendenza intercetta un’opportunità di business per i professionisti che puntano sull’offerta formativa dei più piccoli: anche in Italia sono sempre più numerose le scuole d’inglese per i bambini. Un impegno che si unisce al gioco per una missione importante, formare gli uomini e le donne del futuro dando loro un’ulteriore possibilità di comunicazione. 

Le idee dell’oggi sono la realtà del domani, prendono spunto dal passato per riformularlo in chiave moderna proponendo dei servizi utili.

Aziendo, agenzia leader nel settore, può aiutare i tuoi sogni a concretizzarsi grazie ad accurati servizi di consulenza aziendale attraverso i quali ognuno può sviluppare o incrementare la strategia vincente per affacciarsi al nuovo mondo del lavoro sempre più digitalizzato.

In una realtà sempre più competitiva le sole idee non bastano, serve un metodo per concretizzarle, rendendole ancora più produttive. Grazie al supporto di un team di esperti, le aziende o i nuovi piccoli imprenditori diventeranno più consapevoli ed autonomi nel riconoscere le aree di lavoro su cui puntare ed ottimizzare per far crescere la propria attività.

Share




Contattaci


Nome


E-Mail


Telefono


Messaggio


Congratulations. Your message has been sent successfully.
Error, please retry. Your message has not been sent.



  • Perché sempre più aziende chiedono il supporto di un coach?


    La figura del coaching è ormai in rapida ascesa anche in Italia, ma perché sempre più aziende chiedono il supporto di un coach? Tutto in questo articolo. La figura professionale del coach arriva da oltre oceano e non è certo una scoperta italiana, anzi possiamo dire che noi in questo caso siamo arrivati molto dopo alcune grandi nazioni come l’America dove questa figura professionale è riconosciuta e molto affermata. Il coaching di ogni tipologia in America è popolarissimo ed è infatti qui che ogni anno centinaia di formatori e studenti di coaching si recano per assistere ai convegni organizzati dai più grandi coach al mondo. In Italia questa figura professionale sta prendendo piede in questi anni, dove sempre più aziende chiedono il supporto di un coach esterno o cercano l’inserimento di un coach interno aziendale per poterne beneficiare. Perché questo cambiamento? Semplice perché ad oggi la realtà è molto diversa da quella che avevamo 50 anni fa.

  • Cosa pianificare per una giusta strategia di marketing?


    Stai aprendo un’attività o hai già un’attività sul mercato? Ecco tutto quello che devi considerare per una giusta strategia di marketing. Se c’è un fattore che una qualsiasi azienda non può e non deve sottovalutare è una buona strategia di marketing. Il marketing è l’ingrediente finale che permette alla nostra azienda di risaltare su tutte le altre, le permette di essere notata e di arrivare ogni giorno a centinaia di possibili clienti che potrebbero sceglierla. È solo grazie alla giusta strategia di marketing che un’azienda può rivelarsi di successo oppure no. Sebbene ad oggi i mezzi di promozione di un’attività si sono moltiplicati grazie all’utilizzo dei social network alla base di ogni promozione troviamo sempre una strategia di marketing. Ecco perché in questo articolo andremo ad informarti su tutto ciò che c’è da considerare per un’ottima strategia di marketing.

  • Come trovare i candidati perfetti per la tua attività


    Sei alla ricerca di personale nuovo da assumere? Hai bisogno di un esperto o di un’apprendista? In questo articolo ti parleremo di come trovare i candidati perfetti per la tua attività. Tutte le aziende prima o poi si imbattono nella possibilità di assunzione di personale. È normale e positivo, infatti quando si punta ad assumere nuovi dipendenti i fattori che ci portano a questa esigenza sono diversi ma ci sono due possibilità che risaltano su tutte: l’imminente crescita dell’azienda e quindi la sua espansione, la necessità di trovare una persona più qualificata in un determinato settore. Diventa perciò importante e vitale che ogni azienda possa trovare il candidato perfetto.

  • Come scegliere il corso di formazione per i tuoi dipendenti


    Sei alla ricerca di un corso di formazione? Come sceglierlo tra le tante proposte che troviamo? Leggi l’articolo. Sempre più aziende hanno capito l’importanza di dipendenti formati. Il nostro mondo viaggia rapidamente, si evolve, e vediamo ogni giorno la comparsa di nuovi strumenti, piattaforme, prodotti digitali e non che dobbiamo imparare a gestire nel migliore dei modi. Un’azienda che rimane legata al passato non può andare avanti. Bisogna evolversi, adeguarsi e rendersi competitivi nel proprio settore. Non solo importando le novità tecnologiche e strumentali nella propria azienda, ma anche e soprattutto formando i propri dipendenti. Se usufruiamo nella nostra impresa di prodotti altamente tecnologici ma con nessuno che sappia sfruttarli allora il nostro investimento economico sarà nullo. Si all’investimento verso le nuove tecnologie e strumentazioni ma si anche all’investimento economico sui nostri dipendenti.

  • Consulenza aziendale nel settore fashion, orgoglio del made in Italy. Tutte le strategie del marketing della moda


    Il Bel Paese della creatività e dello stile, il mondo della moda e del made in Italy si confermano un settore dinamico e competitivo, da qualche decennio rivoluzionato al virtuale. La fashion industry viaggia nel web a tempo di clic e spazia oltre i confini creando fatturato e fantasia, un universo creativo ben strutturato dal web marketing capace di coinvolgere milioni di persone. A dettare legge i guru della moda e una miriade di addetti ai lavori molto influenti, dalle piccole medie imprese alle fashion blogger. Scopriamo quali sono le loro strategie La moda è un caposaldo del comparto produttivo italiano e con l’avvento di internet negli ultimi anni si è profondamente trasformata. Le abitudini del consumatore sono cambiate, non bastano più le riviste patinate e le fashion week a dettare le ultime tendenze.

  • Sicurezza sul lavoro, via ai corsi obbligatori


    La sicurezza sul lavoro è focalizzata sulla formazione di dipendenti ed imprenditori, un aspetto sempre più determinante per la salvaguardia di chi lavora e per la tutela dell’impresa. Nel mese di novembre hanno preso il via i corsi sicurezza sul lavoro obbligatori per legge Secondo le stime annuali il 2019 detiene un triste primato per i decessi sul luogo di lavoro. I dati attestano che nei primi mesi di quest'anno, sono stati 482 i morti sul lavoro, mentre gli infortuni meno gravi sono diminuiti, ma solo dello 0,2%, con un totale di 323.831 incidenti.




Leave a Reply

Your email address will not be published.


Comment

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto


Name

Email

Url