Che cos’è il budget economico?

Il Budget (termine della lingua inglese, derivato dal francese bougette, traducibile in italiano come "borsa"; la voce è poi rientrata in francese come "budget) è un documento contabile che generalmente gli enti pubblici e le aziende private sono tenuti a redigere, in cui vengono stabiliti gli atti di previsione relativi a un futuro bilancio, al fine di conseguire un determinato risultato.
Si tratta di un programma di gestione aziendale espresso in termini economico-finanziari per guidare i manager verso il raggiungimento di obiettivi di breve periodo delineato nell’ambito di un piano strategico di lungo periodo.

Che cos’è il budget economico?

Il budget economico è lo strumento della programmazione aziendale, articolato per centri di responsabilità, che evidenzia:
Gli obiettivi economico - finanziari da realizzare nel prossimo esercizio (anche frazioni)
Le risorse da impiegare per conseguire i risultati previsti.

La programmazione del budget economico copre solitamente un periodo di dodici mesi, suddiviso in periodi più brevi (mesi o trimestri): tale suddivisione è necessaria per indirizzare i comportamenti dei responsabili nei vari periodi dell’esercizio.

In un’azienda il budget economico riveste un ruolo particolarmente importante in quanto obbliga le diverse aree aziendali a riflettere sui sistemi di gestione e a controllare lo stato della propria operatività, inoltre mette in comunicazione le diverse aree aziendali e fornisce dei criteri di valutazione dei singoli risultati preventivati.

Da cosa è composto il budget economico?

Il budget economico è composto da due parti principali:

  • il "budget operativo", che illustra in sintesi il conto economico preventivo;
  • il "budget finanziario", che illustra e dettaglia i flussi finanziari derivanti dalle previsioni economiche fatte, più gli investimenti e la cassa.

Il budget operativo è così chiamato perché scende nei dettagli operativi dell'azienda ed è costituito da una serie, anche notevole, di budget settoriali di supporto finali.
Il budget è articolato in quattro piani che sono redatti a livello dell'azienda nel suo complesso:

  • Piano degli investimenti (punto di partenza del budget in quanto non richiede ulteriori informazioni in input);
  • Piano economico: ricavi, costi, margini, utile;
  • Piano patrimoniale: attivo immobilizzato, attivo circolante, capitale permanente, passivo corrente;
  • Piano finanziario: fonti-impieghi, o fabbisogni-coperture, distinte in breve e lungo termine.

Le funzioni del budget economico

Oltre a essere un documento di previsione il budget economico assolve alle seguenti funzioni:

  • Una funzione di controllo e gestione, fa in modo che l’azienda segua la traiettoria tracciata anche quando si verificano eventi perturbatori che provocano deviazioni, ponendo in essere gli interventi necessari per correggere le deviazioni dal percorso prefissato;
  • In quanto strumento di pianificazione permette di considerare in anticipo problemi e difficoltà e di prendere le opportune decisioni. Esercita quindi una funzione di direzione: la chiara rappresentazione della "traiettoria" programmata del sistema impresa;
  • Consente il controllo di gestione fra dati previsti dati ottenuti in contabilità consuntiva;
  • Motiva al coordinamento e alla cooperazione: è un importante mezzo organizzativo in quanto contribuisce a rendere massimo il coordinamento, e automatica la cooperazione al raggiungimento degli obiettivi aziendali prefissati.

I budget che abbracciano l'azienda nella sua totalità sono:

  • Budget degli investimenti: è il punto di partenza, perché non richiede informazioni da altri budget. Fornisce la variazione di capitale fisso al budget patrimoniale, gli ammortamenti al budget economico, i fabbisogni di risorse (uscite) al budget finanziario. Gli investimenti riguardano progetti proposti da tutte le aree: ricerca e sviluppo e produzione, marketing (pubblicità, mezzi di trasporto, depositi e filiali, eccetera) e servizi amministrativi e generali (per sistemi informatici, per macchine e attrezzature d'ufficio, apertura nuove sedi e così via);
  • Budget economico: costi e ricavi;
  • Budget finanziario: flussi in entrata ed uscita. È composto da prospetto fonti-impieghi (autofinanziamento da gestione reddituale, aumenti di debiti a breve e lungo termine, disinvestimenti di capitale fisso e circolante; impieghi: inviti in immobilizzazioni, aumenti di crediti e scorte, rimborsi di debiti, pagamento di dividendi e rimborsi di capitale proprio) e dal budget di cassa o di tesoreria;
  • Budget patrimoniale: stato patrimoniale alla data di chiusura dell'esercizio, che si ottiene aggiungendo per incremento o decremento i flussi del budget finanziario ai valori dello stato patrimoniale iniziale. È opportuno che sia redatto come riclassificato secondo criteri finanziari, così da essere meglio confrontabile con budget finanziario e per aumentarne l'efficacia espressiva.

Come viene determinato il budget economico?

Il budget economico può essere redatto solo dopo la predisposizione dei Budget settoriali:

  • Vendite
  • Produzione
  • Acquisti
  • Personale
  • Costi generali

Viene determinato con la seguente sequenza:

  • Budget delle vendite (a quantità e valore, e suddivisi mensilmente);
  • Definizione dei centri di costo e distinzione tra centri variabili (proporzionali al volume di produzione o di vendita) e fissi (invariabili rispetto alla produzione o vendita).

In conclusione il budget economico è uno strumento strategico decisionale per le imprese, che ha lo scopo di perseguire gli obiettivi che l’organizzazione si è posta in sede di pianificazione aziendale. Ma l’azienda dovrà assumere un ruolo proattivo nei confronti dell’ambiente esterno, non di tipo passivo subendo solo ciò che le circostanze dell’ambiente di riferimento impongono.

Il budget farà uso di previsioni e stime sui futuri andamenti di mercato e sui risultati aziendali con lo scopo di assegnare gli obiettivi all’organizzazione aziendale e ripartire in modo efficiente le risorse.

AZIENDO è in grado di definire e stabilire un budget economico opportuno per sostenere tutte le attività da te previste e pianificate nella maniera più efficace affiancando con competenza la tua impresa

Share




Contattaci


Nome


E-mail


Telefono


Messaggio


Congratulations. Your message has been sent successfully.
Error, please retry. Your message has not been sent.



  • Perché sempre più aziende chiedono il supporto di un coach?


    La figura del coaching è ormai in rapida ascesa anche in Italia, ma perché sempre più aziende chiedono il supporto di un coach? Tutto in questo articolo. La figura professionale del coach arriva da oltre oceano e non è certo una scoperta italiana, anzi possiamo dire che noi in questo caso siamo arrivati molto dopo alcune grandi nazioni come l’America dove questa figura professionale è riconosciuta e molto affermata. Il coaching di ogni tipologia in America è popolarissimo ed è infatti qui che ogni anno centinaia di formatori e studenti di coaching si recano per assistere ai convegni organizzati dai più grandi coach al mondo. In Italia questa figura professionale sta prendendo piede in questi anni, dove sempre più aziende chiedono il supporto di un coach esterno o cercano l’inserimento di un coach interno aziendale per poterne beneficiare. Perché questo cambiamento? Semplice perché ad oggi la realtà è molto diversa da quella che avevamo 50 anni fa.

  • Cosa pianificare per una giusta strategia di marketing?


    Stai aprendo un’attività o hai già un’attività sul mercato? Ecco tutto quello che devi considerare per una giusta strategia di marketing. Se c’è un fattore che una qualsiasi azienda non può e non deve sottovalutare è una buona strategia di marketing. Il marketing è l’ingrediente finale che permette alla nostra azienda di risaltare su tutte le altre, le permette di essere notata e di arrivare ogni giorno a centinaia di possibili clienti che potrebbero sceglierla. È solo grazie alla giusta strategia di marketing che un’azienda può rivelarsi di successo oppure no. Sebbene ad oggi i mezzi di promozione di un’attività si sono moltiplicati grazie all’utilizzo dei social network alla base di ogni promozione troviamo sempre una strategia di marketing. Ecco perché in questo articolo andremo ad informarti su tutto ciò che c’è da considerare per un’ottima strategia di marketing.

  • Come trovare i candidati perfetti per la tua attività


    Sei alla ricerca di personale nuovo da assumere? Hai bisogno di un esperto o di un’apprendista? In questo articolo ti parleremo di come trovare i candidati perfetti per la tua attività. Tutte le aziende prima o poi si imbattono nella possibilità di assunzione di personale. È normale e positivo, infatti quando si punta ad assumere nuovi dipendenti i fattori che ci portano a questa esigenza sono diversi ma ci sono due possibilità che risaltano su tutte: l’imminente crescita dell’azienda e quindi la sua espansione, la necessità di trovare una persona più qualificata in un determinato settore. Diventa perciò importante e vitale che ogni azienda possa trovare il candidato perfetto.

  • Come scegliere il corso di formazione per i tuoi dipendenti


    Sei alla ricerca di un corso di formazione? Come sceglierlo tra le tante proposte che troviamo? Leggi l’articolo. Sempre più aziende hanno capito l’importanza di dipendenti formati. Il nostro mondo viaggia rapidamente, si evolve, e vediamo ogni giorno la comparsa di nuovi strumenti, piattaforme, prodotti digitali e non che dobbiamo imparare a gestire nel migliore dei modi. Un’azienda che rimane legata al passato non può andare avanti. Bisogna evolversi, adeguarsi e rendersi competitivi nel proprio settore. Non solo importando le novità tecnologiche e strumentali nella propria azienda, ma anche e soprattutto formando i propri dipendenti. Se usufruiamo nella nostra impresa di prodotti altamente tecnologici ma con nessuno che sappia sfruttarli allora il nostro investimento economico sarà nullo. Si all’investimento verso le nuove tecnologie e strumentazioni ma si anche all’investimento economico sui nostri dipendenti.

  • Consulenza aziendale nel settore fashion, orgoglio del made in Italy. Tutte le strategie del marketing della moda


    Il Bel Paese della creatività e dello stile, il mondo della moda e del made in Italy si confermano un settore dinamico e competitivo, da qualche decennio rivoluzionato al virtuale. La fashion industry viaggia nel web a tempo di clic e spazia oltre i confini creando fatturato e fantasia, un universo creativo ben strutturato dal web marketing capace di coinvolgere milioni di persone. A dettare legge i guru della moda e una miriade di addetti ai lavori molto influenti, dalle piccole medie imprese alle fashion blogger. Scopriamo quali sono le loro strategie La moda è un caposaldo del comparto produttivo italiano e con l’avvento di internet negli ultimi anni si è profondamente trasformata. Le abitudini del consumatore sono cambiate, non bastano più le riviste patinate e le fashion week a dettare le ultime tendenze.

  • Sicurezza sul lavoro, via ai corsi obbligatori


    La sicurezza sul lavoro è focalizzata sulla formazione di dipendenti ed imprenditori, un aspetto sempre più determinante per la salvaguardia di chi lavora e per la tutela dell’impresa. Nel mese di novembre hanno preso il via i corsi sicurezza sul lavoro obbligatori per legge Secondo le stime annuali il 2019 detiene un triste primato per i decessi sul luogo di lavoro. I dati attestano che nei primi mesi di quest'anno, sono stati 482 i morti sul lavoro, mentre gli infortuni meno gravi sono diminuiti, ma solo dello 0,2%, con un totale di 323.831 incidenti.




Leave a Reply

Your email address will not be published.


Comment


Name

Email

Url