Come il web può trasformare la tua azienda

Le aziende italiane non si fidano, o meglio, non sanno ancora sfruttare a dovere il web per vendere e crescere.

Ad oggi, circa il 10% di esse utilizza Internet per espandere il proprio marchio in termini di vendite, visto che la maggior parte delle imprese nostrane si limita alla sola creazione di un sito web istituzionale, che spesso non verrà mai (o quasi) aggiornato nel tempo, lasciato lì a morire di solitudine e stenti.

Un errore davvero imperdonabile, perché è ormai acclarato che un sito web ben strutturato sia in grado di raggiungere molti più clienti di un team di commerciali, anche se ben addestrati e dotati di smalto e grinta da vendere, appunto.

Il punto è che ormai il processo di acquisto ed acquisizione del cliente avviene per gran parte online. Il consumatore moderno è profondamente diverso da quello di qualche anno fa, è cambiato radicalmente, non è più un passivo fruitore di pubblicità televisiva o radiofonica, bensì un attivo ricercatore di informazioni, consigli e recensioni. Se prima era l’azienda che intervistava il cliente, oggi avviene l’esatto contrario.

Avere un sito web ben strutturato, aggiornato ed accattivante è quindi fondamentale, perché è lì che il potenziale cliente cercherà informazioni e soluzioni per soddisfare le sue specifiche esigenze: avere un negozio online che sia soltanto una vetrina non è la strada migliore da percorrere, sarà invece importante cercare un dialogo con l’utente, attrarlo, incuriosirlo e dunque convincerlo a diventare un vero e proprio cliente.

Come è possibile trasformare il nostro triste e vetusto sito in qualcosa che ci farà guadagnare in popolarità e possibili introiti? In questo articolo vi daremo qualche consiglio a riguardo su come sfruttare il web a favore della vostra azienda, iniziamo!

  • Creare delle Call to action intriganti

In web marketing, una call to action (invito all’azione) altro non è che un’istruzione per il pubblico, che mira ad ottenere una risposta immediata: “scarica ora”, “scopri di più”, ecc. poste all’interno di un pulsante posto in evidenza rispetto al resto della pagina.

  • Informazioni chiare

Quanto sono importanti le informazioni: bisognerà far sì che siano chiare, costantemente aggiornate, di facile reperimento e consultazione, in linea con il proprio target di riferimento.

  • Originalità e bellezza

Convincere l’utente che la propria azienda sia la migliore, la più competente, unica, davvero quella adatta per lui, che potrà soddisfare i suoi desideri.

  • Scegli me, non lei!

La vostra azienda è meglio delle altre, questo lo sapete, ma il cliente lo sa? No? Beh, dovete fornirgli qualcosa in più rispetto alla concorrenza, mettetevi volutamente in competizione con i vostri rivali, mostrate superiorità, offrite qualcosa che gli altri non hanno.

  • SEO. SEO. Ancora SEO.

Un buon posizionamento del vostro sito è basilare, studiate le strategie migliori ed affidatevi a professionisti del settore, in modo che il vostro negozio online risulti tra i più visibili.

  • Ottimizza il sito per il mobile!

Uno degli errori più frequenti: un sito che tramite smartphone risulti impossibile o quasi da consultare è un autogol incredibile: ormai è provato che le ricerche da mobile abbiano superato quelle da PC, quindi cosa state aspettando?

  • Siate un’azienda molto Social!

Facebook, Instagram, Twitter: utilizzate al meglio la magica triade per sponsorizzare la vostra attività, creando contenuti, postando immagini e cercando il dialogo con gli utenti. Affidatevi a professionisti per curare le vostre pagine social, se non avete tempo e soprattutto se non siete perfettamente a vostro agio

Fare una buona analisi dei dati

Capire la provenienza dei vostri clienti, l’età, il reddito e la loro posizione lavorativa vi aiuteranno nel plasmare e modellare le vostre offerte, in modo da soddisfare le esigenze più disparate.

Cercate di specializzarvi in una nicchia: se il cliente arriverà a considerarvi degli specialisti, sarete considerati leader del settore.

Essere presenti su Internet, utilizzare quindi il web per la vostra azienda porterà una serie di benefici da non sottovalutare, avrete infatti più opportunità di concludere affari, aumenterete la visibilità del vostro brand, riuscirete a raggiungere un pubblico molto più vasto, creando un rapporto diretto con le persone e dando loro una continua assistenza, in modo da fidelizzare il cliente.

Investendo tempo, denaro e risorse nel vostro negozio online, diventerete un punto di riferimento del settore, dando magari una rinfrescata al marchio e utilizzando un modo più moderno di comunicare.

Innovazione è la parola d’ordine, per restare al passo con i tempi non c’è cosa migliore che sbarcare su Internet.

Share




Contattaci


Nome


E-Mail


Telefono


Messaggio


Congratulations. Your message has been sent successfully.
Error, please retry. Your message has not been sent.



  • Consulenza aziendale nel settore fashion, orgoglio del made in Italy. Tutte le strategie del marketing della moda


    Il Bel Paese della creatività e dello stile, il mondo della moda e del made in Italy si confermano un settore dinamico e competitivo, da qualche decennio rivoluzionato al virtuale. La fashion industry viaggia nel web a tempo di clic e spazia oltre i confini creando fatturato e fantasia, un universo creativo ben strutturato dal web marketing capace di coinvolgere milioni di persone. A dettare legge i guru della moda e una miriade di addetti ai lavori molto influenti, dalle piccole medie imprese alle fashion blogger. Scopriamo quali sono le loro strategie La moda è un caposaldo del comparto produttivo italiano e con l’avvento di internet negli ultimi anni si è profondamente trasformata. Le abitudini del consumatore sono cambiate, non bastano più le riviste patinate e le fashion week a dettare le ultime tendenze.

  • Sicurezza sul lavoro, via ai corsi obbligatori


    La sicurezza sul lavoro è focalizzata sulla formazione di dipendenti ed imprenditori, un aspetto sempre più determinante per la salvaguardia di chi lavora e per la tutela dell’impresa. Nel mese di novembre hanno preso il via i corsi sicurezza sul lavoro obbligatori per legge Secondo le stime annuali il 2019 detiene un triste primato per i decessi sul luogo di lavoro. I dati attestano che nei primi mesi di quest'anno, sono stati 482 i morti sul lavoro, mentre gli infortuni meno gravi sono diminuiti, ma solo dello 0,2%, con un totale di 323.831 incidenti.

  • Corso di laurea in gestione d’impresa, ecco come si formano i manager del futuro


    I professionisti del domani si specializzano con dei corsi ad hoc: per fare impresa ci vuole passione ma anche il giusto metodo. Sono sempre più numerosi i giovani che desiderano costruire una realtà imprenditoriale con le idee chiare: il corso di Laurea in Gestione di Impresa ne è l’esempio lampante ed è sempre più richiesto. Una laurea in economia specifica che forma i manager del futuro, il corso in Gestione d’Impresa appartiene alla classe delle Lauree universitarie in Scienze dell'economia e della gestione aziendale (classe L-18). Secondo le statistiche, questa proposta formativa diffusa in vari atenei d’Italia conferma numerosi iscritti negli ultimi anni. Sono sempre più numerosi i giovani orientati a settori aziendali e questa proposta di formazione li proietta direttamente nel contesto lavorativo specifico che affronteranno dopo aver conseguito la laurea.

  • Flop dell’intelligenza artificiale, solo due aziende su cinque ne traggono vantaggio


    L’intelligenza artificiale rappresenta ottime possibilità di crescita per le aziende ma solo se viene compresa la sua strategia investendo sul capitale umano. Capirne i meccanismi sembra non essere ancora tra le priorità delle imprese: la maggior parte puntano sull’intelligenza artificiale senza ottimizzarla al meglio, altre sottovalutano le sue potenzialità, altre ancora temono che il suo inserimento destabilizzi la produttività invece di incentivarla. A rivelare il “flop” è lo studio MIT Sloan Management Review (MIT SMR). Gli esperti confidano in un cambiamento di mentalità: tutto deve partire dai nuovi talenti

  • Vendita di beni nel mercato virtuale, in aggiornamento continuo


    Lo shopping on-line è in costante crescita in tutta Europa. I mercati principali si confermano essere il Regno Unito, la Germania e la Francia, ma anche l’Italia ha registrato negli ultimi anni una crescita esponenziale nella vendita e-commerce. La rete, attraverso la complicità dei canali social, rappresenta il futuro di un mercato in continua evoluzione In Italia son 30,5 milioni di individui che utilizzano Internet (sopra i 15 anni), 16,2 milioni hanno fatto un acquisto on-line negli ultimi 3 mesi, mentre quasi 11 milioni sono acquirenti abituali per un giro di affari che si aggira intorno ai 14 miliardi di Euro.

  • Bilancio d’esercizio, come distinguerne le tipologie


    Per le imprese è obbligatorio redigere periodicamente il bilancio d’esercizio. La legge prevede la presentazione di questo insieme di documenti contabili al fine di accertare in modo chiaro e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria dell’esercizio attenendosi al principio di verità. Una pratica che tutte le aziende devono seguire e presentare con attenzione, in questo articolo cerchiamo di capire in che cosa consiste e quali sono le tipologie previste dalla legge Il bilancio d’esercizio: in cosa consiste? Il bilancio d’esercizio è previsto per tutte le imprese, si tratta di un documento formato da tre parti: dallo stato patrimoniale, dal conto economico e dalla nota integrativa.




Leave a Reply

Your email address will not be published.


Comment


Name

Email

Url