Come il web può trasformare la tua azienda

Le aziende italiane non si fidano, o meglio, non sanno ancora sfruttare a dovere il web per vendere e crescere.

Ad oggi, circa il 10% di esse utilizza Internet per espandere il proprio marchio in termini di vendite, visto che la maggior parte delle imprese nostrane si limita alla sola creazione di un sito web istituzionale, che spesso non verrà mai (o quasi) aggiornato nel tempo, lasciato lì a morire di solitudine e stenti.

Un errore davvero imperdonabile, perché è ormai acclarato che un sito web ben strutturato sia in grado di raggiungere molti più clienti di un team di commerciali, anche se ben addestrati e dotati di smalto e grinta da vendere, appunto.

Il punto è che ormai il processo di acquisto ed acquisizione del cliente avviene per gran parte online. Il consumatore moderno è profondamente diverso da quello di qualche anno fa, è cambiato radicalmente, non è più un passivo fruitore di pubblicità televisiva o radiofonica, bensì un attivo ricercatore di informazioni, consigli e recensioni. Se prima era l’azienda che intervistava il cliente, oggi avviene l’esatto contrario.

Avere un sito web ben strutturato, aggiornato ed accattivante è quindi fondamentale, perché è lì che il potenziale cliente cercherà informazioni e soluzioni per soddisfare le sue specifiche esigenze: avere un negozio online che sia soltanto una vetrina non è la strada migliore da percorrere, sarà invece importante cercare un dialogo con l’utente, attrarlo, incuriosirlo e dunque convincerlo a diventare un vero e proprio cliente.

Come è possibile trasformare il nostro triste e vetusto sito in qualcosa che ci farà guadagnare in popolarità e possibili introiti? In questo articolo vi daremo qualche consiglio a riguardo su come sfruttare il web a favore della vostra azienda, iniziamo!

  • Creare delle Call to action intriganti

In web marketing, una call to action (invito all’azione) altro non è che un’istruzione per il pubblico, che mira ad ottenere una risposta immediata: “scarica ora”, “scopri di più”, ecc. poste all’interno di un pulsante posto in evidenza rispetto al resto della pagina.

  • Informazioni chiare

Quanto sono importanti le informazioni: bisognerà far sì che siano chiare, costantemente aggiornate, di facile reperimento e consultazione, in linea con il proprio target di riferimento.

  • Originalità e bellezza

Convincere l’utente che la propria azienda sia la migliore, la più competente, unica, davvero quella adatta per lui, che potrà soddisfare i suoi desideri.

  • Scegli me, non lei!

La vostra azienda è meglio delle altre, questo lo sapete, ma il cliente lo sa? No? Beh, dovete fornirgli qualcosa in più rispetto alla concorrenza, mettetevi volutamente in competizione con i vostri rivali, mostrate superiorità, offrite qualcosa che gli altri non hanno.

  • SEO. SEO. Ancora SEO.

Un buon posizionamento del vostro sito è basilare, studiate le strategie migliori ed affidatevi a professionisti del settore, in modo che il vostro negozio online risulti tra i più visibili.

  • Ottimizza il sito per il mobile!

Uno degli errori più frequenti: un sito che tramite smartphone risulti impossibile o quasi da consultare è un autogol incredibile: ormai è provato che le ricerche da mobile abbiano superato quelle da PC, quindi cosa state aspettando?

  • Siate un’azienda molto Social!

Facebook, Instagram, Twitter: utilizzate al meglio la magica triade per sponsorizzare la vostra attività, creando contenuti, postando immagini e cercando il dialogo con gli utenti. Affidatevi a professionisti per curare le vostre pagine social, se non avete tempo e soprattutto se non siete perfettamente a vostro agio

Fare una buona analisi dei dati

Capire la provenienza dei vostri clienti, l’età, il reddito e la loro posizione lavorativa vi aiuteranno nel plasmare e modellare le vostre offerte, in modo da soddisfare le esigenze più disparate.

Cercate di specializzarvi in una nicchia: se il cliente arriverà a considerarvi degli specialisti, sarete considerati leader del settore.

Essere presenti su Internet, utilizzare quindi il web per la vostra azienda porterà una serie di benefici da non sottovalutare, avrete infatti più opportunità di concludere affari, aumenterete la visibilità del vostro brand, riuscirete a raggiungere un pubblico molto più vasto, creando un rapporto diretto con le persone e dando loro una continua assistenza, in modo da fidelizzare il cliente.

Investendo tempo, denaro e risorse nel vostro negozio online, diventerete un punto di riferimento del settore, dando magari una rinfrescata al marchio e utilizzando un modo più moderno di comunicare.

Innovazione è la parola d’ordine, per restare al passo con i tempi non c’è cosa migliore che sbarcare su Internet.

Share




Contattaci


Nome


E-Mail


Telefono


Messaggio


Congratulations. Your message has been sent successfully.
Error, please retry. Your message has not been sent.



  • Analisi di portafoglio: cliente, prodotto e vendita


    Nella maggior parte delle aziende affinché tutto sia gestito al meglio si parla, molto spesso, di analisi di portafoglio, ma cos'è esattamente? Qui cercheremo di spiegare a grandi linee tutto lo studio e l'attenzione che c'è dietro. L'analisi di portafoglio è una procedura utilizzata nel management in grado di chiarire su quali business l'azienda dovrebbe investire, su quali non conviene e, soprattutto, la quantità di investimenti necessaria perché si riduca al minimo il rischio di perdita. Il fine ultimo di questa prassi è proprio quello di evidenziare tutte quelle attività volte a far crescere l'azienda, chiarire i punti deboli e muoversi in questo enorme labirinto chiamato "mercato economico”.

  • Crisis management: cos’è e come e come gestire crisi aziendali


    Il crisis management è il processo con il quale un’organizzazione fronteggia una situazione potenzialmente dannosa per le prestazioni e la fama aziendale, attraverso l’impiego di alcune pratiche che possano così prevenire, gestire e sedare gli esiti svantaggiosi della crisi. Il crisis management è dunque necessario per far fronte a problemi ed interruzioni che sopraggiungono nelle diverse fasi che compongo un qualsiasi tipo di business, siano essi provocati da eventi interni o esterni alla società, e che daranno vita ad una serie di ripercussioni negative, quali danni di produttività, d’immagine, ed in casi estremi, il fallimento.

  • Gestione clienti: guide e consigli per gestire la clientela


    “Noi consideriamo i nostri clienti come ospiti invitati a una festa, dove noi siamo i padroni di casa. Il nostro lavoro di ogni giorno è quello di rendere ogni importante aspetto dell'esperienza del cliente un po' migliore.” Questo concetto appartiene a Jeff Bezos, fondatore di Amazon.com e parla da solo. Il segreto del successo di un'azienda è, senza dubbio, la gestione delle relazioni con i propri clienti. La gestione del cliente è una parte molto importante nella gestione di un’azienda, un qualcosa che deve essere ben definito e strutturato perché parte fondamentale per il buon funzionamento di un team, indipendentemente dal modello di business che si persegue. Possedere un portafogli clienti molto vasto non è necessariamente segno di successo, proprio perché se la gestione dei clienti non viene fatta in modo assertivo, quei contatti saranno proprio questo: contatti e non clienti.

  • Come aumentare il fatturato dell’azienda


    In un mercato sempre più spietato e competitivo, un imprenditore che abbia come obiettivo quello di mantenere la propria attività in salute e soprattutto competitiva dovrà per forza di cose conoscere minuziosamente l’andamento finanziario del proprio business, avendo quindi sempre sotto controllo la mole di fatturato e la liquidità presente in cassa, per evitare problemi, ridimensionamenti o addirittura il fallimento. Aumentare il fatturato è certamente uno dei desideri più ricorrenti per qualsiasi imprenditore o direttore del marketing che si rispetti, e come riuscire ad incrementare le vendite di prodotti e servizi, realizzando più ricavi, è anch’essa una delle domande più frequenti.

  • Analisi degli scostamenti del fatturato mese su mese


    Un’azienda che voglia mantenersi attiva e competitiva sul mercato, soprattutto ed ovviamente nel lungo periodo, dovrà sempre e costantemente avere piena coscienza di sé stessa; in parole povere, l’imprenditore che ha come obiettivo quello di rendere il proprio business vincente ed in continua espansione, dovrà per forza conoscere e monitorare l’andamento finanziario della propria impresa. Le motivazioni sono presto spiegate: un’impresa che dovesse ritrovarsi a corto di liquidità, oppure con un fatturato non all’altezza delle proprie necessità è un’impresa che sarà inevitabilmente condannata al fallimento, o nel migliore dei casi ad un sostanziale ridimensionamento rispetto alle premesse con le quali era nata.

  • Che cos’è l’analisi degli scostamenti cash flow?


    Un vecchio adagio inglese così recita: “Turnover is vanity, profit is sanity but cash is reality!”, tradotto in parole povere significa che i volumi di fatturato ed i margini di profitto sono sì importanti e degni di considerazione, ma i flussi di cassa rappresentano l’elemento portante di qualsiasi azienda, e saperli gestire in maniera corretta farà sicuramente la differenza tra il successo ed il fallimento. L’analisi degli scostamenti è parte integrante del cosiddetto controllo di gestione (CdG), ossia quel meccanismo operativo tramite il quale la direzione aziendale, a prescindere dal settore di competenza, potrà assicurarsi che le risorse acquisite vengano impiegate in modo efficace per poter raggiungere e perseguire gli obiettivi aziendali prefissati in fase di pianificazione operativa.




Leave a Reply

Your email address will not be published.


Comment


Name

Email

Url