Dieci motivi per cui una campagna SEO spesso non porta i risultati sperati

Una campagna SEO consiste in un insieme di attività che permettono al nostro sito di essere in vetta tra i risultati della SERP di Google (pagina dei risultati del motore di ricerca), nel momento in cui un utente cerca le parole chiave relative al servizio o prodotto che offriamo.

Se siamo riusciti ad essere tra i primi risultati della ricerca, vuol dire che abbiamo colto le parole scelte dall’utente e le abbiamo selezionate come parole chiave delle pagine nostro sito. Questo è l'elemento principale per indicizzare un sito web. L’individuazione delle migliori parole chiave, tuttavia, non è l’unico elemento importante e non riuscire ad inserirne molte non è uno dei principali errori.

Infatti, dagli ultimi aggiornamenti degli algoritmi di Google sembra che il motore di ricerca dia priorità alla correttezza e all’originalità dei contenuti rispetto alla frequenza d'uso delle parole chiave.

Gli algoritmi che regolano il posizionamento su Google sono centinaia ed è davvero difficile essere sempre aggiornati sulle priorità da dare, per questo è importante affidarsi a degli esperti di settore come consulenti SEO o SEO specialist.

In caso contrario il nostro sito, a causa della grande concorrenza e di mancanza di tempo da dedicare agli aggiornamenti dei contenuti e agli aggiornamenti sugli algoritmi, potrebbe non raggiungere la tanto ambita vetta e la scalata potrebbe risultare ancora più difficile del previsto.

10 motivi per cui la campagna SEO non porta i risultati sperati:

  1. Scelta sbagliata di parole chiave. Consiglio: Le parole chiave possono essere utili oltre che per il posizionamento, anche per impostare la scaletta di un contenuto. Come? Dopo l’iniziale ricerca di 5-6 parole chiave attinenti, si analizza il volume di ricerca con Adwords Keyword Planner e dopo un’ulteriore selezione le parole chiave rimanenti si possono usare come guida ricordandosi che sarebbe ideale usarne una a pagina (e in tutte le etichette di titoli e sottotitoli: h1,h2,h3) e sviluppare quindi un contenuto a pagina.
  2. Contenuti poco interessanti: Se ci limitiamo a scrivere contenuti ripetitivi e poco originali Google lo rileverà e ci collocherà in posizioni della SERP molto basse. Consiglio: Creare contenuti originali, ma ancora meglio sarebbe scrivere di argomenti di nicchia, che non siano cercati dalle grandi masse, ma che vadano in profondità nell’analisi del tema.
  3. Creare doppioni di contenuto. Se ad esempio un sito possiede due pagine con lo stesso contenuto e  le stesse parole chiave si crea una situazione di duplicazione del contenuto che porta il sito ad essere penalizzato. Consiglio: Se è essenziale mantenere le due pagine con lo stesso contenuto e le stesse parole chiave, al fine di non perdere valore utile, si può ricorrere al reindirizzamento 301, ovvero lo spostamento definitivo di URL ad un nuovo indirizzo (in questo caso ad una sola delle due pagine), oppure introdurre una meta rel=”canonical”, formula che conferisce la canonicità alla pagina più rappresentativa tra le simili, in grado di far posizionare la pagina al posto del suo doppione, ma far posizionare anche il doppione grazie ad essa.
  4. Utilizzo di hosting (servizio di rete che consiste nel collocare su un server web le pagine di un sito) poco affidabili utilizzati per siti web o per ospitare file, immagini, giochi e contenuti simili. Consiglio: utilizzare hosting affidabili.
  5. Il cattivo utilizzo dei link. Capita di commettere l’errore di acquistare link verso il proprio sito troppo numerosi e di scarsa qualità e questo non è gradito da Google. I backlinks verso il nostro sito sono premiati invece se il sito che ci cita è autorevole, e tanto più sarà autorevole quanto più conferirà un buon posizionamento al nostro sito. Consiglio: non acquistare link non attinenti, inserire sempre parole chiave coerenti e preferibilmente non essere presenti su directory molto generiche.
  6. Elevata frequenza di rimbalzo. Se questa metrica è alta vuol dire che gli utenti una volta arrivati sulla pagina del nostro sito escono in un breve lasso di tempo, questo dipende o da uno scarso interesse per la pagina oppure ad un suo ritardo nel caricamento. Consiglio: mantenere sempre aggiornato il sito e i suoi contenuti così da essere facilmente fruibile e interessante da parte degli utenti.
  7. Mancata presenza o mancato aggiornamento dei Social media. Come abbiamo imparato negli ultimi anni, non comparire sui social media è pari a non esistere. Consiglio: Affidarsi ad una figura che si occupi esclusivamente di questo, anche perché Google premia contenuti coerenti tra sito e social network.
  8. Il sito non è responsive. Può capitare, a siti di vecchia data, di non essere abilitati alla fruizione su mobile e questo, in un momento in cui il mobile è il device più utilizzato per navigazione in internet, risulta in una grave limitazione per il sito. L’utente mediamente aspetta meno di 5 secondi per il caricamento della pagina, e abbandona il sito se questa non appare. Google registrerà questo comportamento come conseguenza di un contenuto poco interessante.
  9. Mancanza di un monitoraggio costante. Un errore fatale può essere proprio quello di non mantenere un monitoraggio degli aggiornamenti tecnici e di contenuti e quindi non accorgersi di eventuali lacune legate a questi aspetti. Consiglio: È essenziale, per garantire alta la posizione del sito, un monitoraggio costante dei contenuti e dell’aspetto tecnico che si può attuare tramite Google Analitycs, un servizio gratuito che Google mette a disposizione degli utenti per monitorare il proprio sito web. Analytics mostra le statistiche e i dati relativi agli accessi degli utenti nel vostro sito internet così da dare la possibilità di rilevare eventuali errori.
  10. Uso errato di meta tags (metadati utilizzabili nell'HTML per veicolare informazioni aggiuntive correlate alla pagina web che ne fa uso) e dei tag HTML. Consiglio: se si vogliono apportare tali modifiche è necessaria una formazione HTML.

Conclusione

In conclusione possiamo affermare che le competenze necessarie a garantire la vetta ad un sito sono numerose e la mancanza di tempo per metterle in pratica, se si possiedono, non aiuta. Per questo concludiamo con un ultimo consiglio: diamo importanza alla specializzazione ed affidiamoci agli esperti!

AZIENDO ha dedicato una sezione completa al marketing operativo che vi invitiamo a visitare.

Share




Contattaci


Nome


E-Mail


Telefono


Messaggio


Congratulations. Your message has been sent successfully.
Error, please retry. Your message has not been sent.



  • Perché sempre più aziende chiedono il supporto di un coach?


    La figura del coaching è ormai in rapida ascesa anche in Italia, ma perché sempre più aziende chiedono il supporto di un coach? Tutto in questo articolo. La figura professionale del coach arriva da oltre oceano e non è certo una scoperta italiana, anzi possiamo dire che noi in questo caso siamo arrivati molto dopo alcune grandi nazioni come l’America dove questa figura professionale è riconosciuta e molto affermata. Il coaching di ogni tipologia in America è popolarissimo ed è infatti qui che ogni anno centinaia di formatori e studenti di coaching si recano per assistere ai convegni organizzati dai più grandi coach al mondo. In Italia questa figura professionale sta prendendo piede in questi anni, dove sempre più aziende chiedono il supporto di un coach esterno o cercano l’inserimento di un coach interno aziendale per poterne beneficiare. Perché questo cambiamento? Semplice perché ad oggi la realtà è molto diversa da quella che avevamo 50 anni fa.

  • Cosa pianificare per una giusta strategia di marketing?


    Stai aprendo un’attività o hai già un’attività sul mercato? Ecco tutto quello che devi considerare per una giusta strategia di marketing. Se c’è un fattore che una qualsiasi azienda non può e non deve sottovalutare è una buona strategia di marketing. Il marketing è l’ingrediente finale che permette alla nostra azienda di risaltare su tutte le altre, le permette di essere notata e di arrivare ogni giorno a centinaia di possibili clienti che potrebbero sceglierla. È solo grazie alla giusta strategia di marketing che un’azienda può rivelarsi di successo oppure no. Sebbene ad oggi i mezzi di promozione di un’attività si sono moltiplicati grazie all’utilizzo dei social network alla base di ogni promozione troviamo sempre una strategia di marketing. Ecco perché in questo articolo andremo ad informarti su tutto ciò che c’è da considerare per un’ottima strategia di marketing.

  • Come trovare i candidati perfetti per la tua attività


    Sei alla ricerca di personale nuovo da assumere? Hai bisogno di un esperto o di un’apprendista? In questo articolo ti parleremo di come trovare i candidati perfetti per la tua attività. Tutte le aziende prima o poi si imbattono nella possibilità di assunzione di personale. È normale e positivo, infatti quando si punta ad assumere nuovi dipendenti i fattori che ci portano a questa esigenza sono diversi ma ci sono due possibilità che risaltano su tutte: l’imminente crescita dell’azienda e quindi la sua espansione, la necessità di trovare una persona più qualificata in un determinato settore. Diventa perciò importante e vitale che ogni azienda possa trovare il candidato perfetto.

  • Come scegliere il corso di formazione per i tuoi dipendenti


    Sei alla ricerca di un corso di formazione? Come sceglierlo tra le tante proposte che troviamo? Leggi l’articolo. Sempre più aziende hanno capito l’importanza di dipendenti formati. Il nostro mondo viaggia rapidamente, si evolve, e vediamo ogni giorno la comparsa di nuovi strumenti, piattaforme, prodotti digitali e non che dobbiamo imparare a gestire nel migliore dei modi. Un’azienda che rimane legata al passato non può andare avanti. Bisogna evolversi, adeguarsi e rendersi competitivi nel proprio settore. Non solo importando le novità tecnologiche e strumentali nella propria azienda, ma anche e soprattutto formando i propri dipendenti. Se usufruiamo nella nostra impresa di prodotti altamente tecnologici ma con nessuno che sappia sfruttarli allora il nostro investimento economico sarà nullo. Si all’investimento verso le nuove tecnologie e strumentazioni ma si anche all’investimento economico sui nostri dipendenti.

  • Consulenza aziendale nel settore fashion, orgoglio del made in Italy. Tutte le strategie del marketing della moda


    Il Bel Paese della creatività e dello stile, il mondo della moda e del made in Italy si confermano un settore dinamico e competitivo, da qualche decennio rivoluzionato al virtuale. La fashion industry viaggia nel web a tempo di clic e spazia oltre i confini creando fatturato e fantasia, un universo creativo ben strutturato dal web marketing capace di coinvolgere milioni di persone. A dettare legge i guru della moda e una miriade di addetti ai lavori molto influenti, dalle piccole medie imprese alle fashion blogger. Scopriamo quali sono le loro strategie La moda è un caposaldo del comparto produttivo italiano e con l’avvento di internet negli ultimi anni si è profondamente trasformata. Le abitudini del consumatore sono cambiate, non bastano più le riviste patinate e le fashion week a dettare le ultime tendenze.

  • Sicurezza sul lavoro, via ai corsi obbligatori


    La sicurezza sul lavoro è focalizzata sulla formazione di dipendenti ed imprenditori, un aspetto sempre più determinante per la salvaguardia di chi lavora e per la tutela dell’impresa. Nel mese di novembre hanno preso il via i corsi sicurezza sul lavoro obbligatori per legge Secondo le stime annuali il 2019 detiene un triste primato per i decessi sul luogo di lavoro. I dati attestano che nei primi mesi di quest'anno, sono stati 482 i morti sul lavoro, mentre gli infortuni meno gravi sono diminuiti, ma solo dello 0,2%, con un totale di 323.831 incidenti.




Leave a Reply

Your email address will not be published.


Comment


Name

Email

Url