Dieci motivi per cui una campagna SEO spesso non porta i risultati sperati

Una campagna SEO consiste in un insieme di attività che permettono al nostro sito di essere in vetta tra i risultati della SERP di Google (pagina dei risultati del motore di ricerca), nel momento in cui un utente cerca le parole chiave relative al servizio o prodotto che offriamo.

Se siamo riusciti ad essere tra i primi risultati della ricerca, vuol dire che abbiamo colto le parole scelte dall’utente e le abbiamo selezionate come parole chiave delle pagine nostro sito. Questo è l'elemento principale per indicizzare un sito web. L’individuazione delle migliori parole chiave, tuttavia, non è l’unico elemento importante e non riuscire ad inserirne molte non è uno dei principali errori.

Infatti, dagli ultimi aggiornamenti degli algoritmi di Google sembra che il motore di ricerca dia priorità alla correttezza e all’originalità dei contenuti rispetto alla frequenza d'uso delle parole chiave.

Gli algoritmi che regolano il posizionamento su Google sono centinaia ed è davvero difficile essere sempre aggiornati sulle priorità da dare, per questo è importante affidarsi a degli esperti di settore come consulenti SEO o SEO specialist.

In caso contrario il nostro sito, a causa della grande concorrenza e di mancanza di tempo da dedicare agli aggiornamenti dei contenuti e agli aggiornamenti sugli algoritmi, potrebbe non raggiungere la tanto ambita vetta e la scalata potrebbe risultare ancora più difficile del previsto.

10 motivi per cui la campagna SEO non porta i risultati sperati:

  1. Scelta sbagliata di parole chiave. Consiglio: Le parole chiave possono essere utili oltre che per il posizionamento, anche per impostare la scaletta di un contenuto. Come? Dopo l’iniziale ricerca di 5-6 parole chiave attinenti, si analizza il volume di ricerca con Adwords Keyword Planner e dopo un’ulteriore selezione le parole chiave rimanenti si possono usare come guida ricordandosi che sarebbe ideale usarne una a pagina (e in tutte le etichette di titoli e sottotitoli: h1,h2,h3) e sviluppare quindi un contenuto a pagina.
  2. Contenuti poco interessanti: Se ci limitiamo a scrivere contenuti ripetitivi e poco originali Google lo rileverà e ci collocherà in posizioni della SERP molto basse. Consiglio: Creare contenuti originali, ma ancora meglio sarebbe scrivere di argomenti di nicchia, che non siano cercati dalle grandi masse, ma che vadano in profondità nell’analisi del tema.
  3. Creare doppioni di contenuto. Se ad esempio un sito possiede due pagine con lo stesso contenuto e  le stesse parole chiave si crea una situazione di duplicazione del contenuto che porta il sito ad essere penalizzato. Consiglio: Se è essenziale mantenere le due pagine con lo stesso contenuto e le stesse parole chiave, al fine di non perdere valore utile, si può ricorrere al reindirizzamento 301, ovvero lo spostamento definitivo di URL ad un nuovo indirizzo (in questo caso ad una sola delle due pagine), oppure introdurre una meta rel=”canonical”, formula che conferisce la canonicità alla pagina più rappresentativa tra le simili, in grado di far posizionare la pagina al posto del suo doppione, ma far posizionare anche il doppione grazie ad essa.
  4. Utilizzo di hosting (servizio di rete che consiste nel collocare su un server web le pagine di un sito) poco affidabili utilizzati per siti web o per ospitare file, immagini, giochi e contenuti simili. Consiglio: utilizzare hosting affidabili.
  5. Il cattivo utilizzo dei link. Capita di commettere l’errore di acquistare link verso il proprio sito troppo numerosi e di scarsa qualità e questo non è gradito da Google. I backlinks verso il nostro sito sono premiati invece se il sito che ci cita è autorevole, e tanto più sarà autorevole quanto più conferirà un buon posizionamento al nostro sito. Consiglio: non acquistare link non attinenti, inserire sempre parole chiave coerenti e preferibilmente non essere presenti su directory molto generiche.
  6. Elevata frequenza di rimbalzo. Se questa metrica è alta vuol dire che gli utenti una volta arrivati sulla pagina del nostro sito escono in un breve lasso di tempo, questo dipende o da uno scarso interesse per la pagina oppure ad un suo ritardo nel caricamento. Consiglio: mantenere sempre aggiornato il sito e i suoi contenuti così da essere facilmente fruibile e interessante da parte degli utenti.
  7. Mancata presenza o mancato aggiornamento dei Social media. Come abbiamo imparato negli ultimi anni, non comparire sui social media è pari a non esistere. Consiglio: Affidarsi ad una figura che si occupi esclusivamente di questo, anche perché Google premia contenuti coerenti tra sito e social network.
  8. Il sito non è responsive. Può capitare, a siti di vecchia data, di non essere abilitati alla fruizione su mobile e questo, in un momento in cui il mobile è il device più utilizzato per navigazione in internet, risulta in una grave limitazione per il sito. L’utente mediamente aspetta meno di 5 secondi per il caricamento della pagina, e abbandona il sito se questa non appare. Google registrerà questo comportamento come conseguenza di un contenuto poco interessante.
  9. Mancanza di un monitoraggio costante. Un errore fatale può essere proprio quello di non mantenere un monitoraggio degli aggiornamenti tecnici e di contenuti e quindi non accorgersi di eventuali lacune legate a questi aspetti. Consiglio: È essenziale, per garantire alta la posizione del sito, un monitoraggio costante dei contenuti e dell’aspetto tecnico che si può attuare tramite Google Analitycs, un servizio gratuito che Google mette a disposizione degli utenti per monitorare il proprio sito web. Analytics mostra le statistiche e i dati relativi agli accessi degli utenti nel vostro sito internet così da dare la possibilità di rilevare eventuali errori.
  10. Uso errato di meta tags (metadati utilizzabili nell'HTML per veicolare informazioni aggiuntive correlate alla pagina web che ne fa uso) e dei tag HTML. Consiglio: se si vogliono apportare tali modifiche è necessaria una formazione HTML.

Conclusione

In conclusione possiamo affermare che le competenze necessarie a garantire la vetta ad un sito sono numerose e la mancanza di tempo per metterle in pratica, se si possiedono, non aiuta. Per questo concludiamo con un ultimo consiglio: diamo importanza alla specializzazione ed affidiamoci agli esperti!

AZIENDO ha dedicato una sezione completa al marketing operativo che vi invitiamo a visitare.

Share




Contattaci


Nome


E-Mail


Telefono


Messaggio


Congratulations. Your message has been sent successfully.
Error, please retry. Your message has not been sent.



  • Vendita di beni nel mercato virtuale, in aggiornamento continuo


    Lo shopping on-line è in costante crescita in tutta Europa. I mercati principali si confermano essere il Regno Unito, la Germania e la Francia, ma anche l’Italia ha registrato negli ultimi anni una crescita esponenziale nella vendita e-commerce. La rete, attraverso la complicità dei canali social, rappresenta il futuro di un mercato in continua evoluzione In Italia son 30,5 milioni di individui che utilizzano Internet (sopra i 15 anni), 16,2 milioni hanno fatto un acquisto on-line negli ultimi 3 mesi, mentre quasi 11 milioni sono acquirenti abituali per un giro di affari che si aggira intorno ai 14 miliardi di Euro.

  • Bilancio d’esercizio, come distinguerne le tipologie


    Per le imprese è obbligatorio redigere periodicamente il bilancio d’esercizio. La legge prevede la presentazione di questo insieme di documenti contabili al fine di accertare in modo chiaro e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria dell’esercizio attenendosi al principio di verità. Una pratica che tutte le aziende devono seguire e presentare con attenzione, in questo articolo cerchiamo di capire in che cosa consiste e quali sono le tipologie previste dalla legge Il bilancio d’esercizio: in cosa consiste? Il bilancio d’esercizio è previsto per tutte le imprese, si tratta di un documento formato da tre parti: dallo stato patrimoniale, dal conto economico e dalla nota integrativa.

  • Attività commerciali redditizie: su cosa puntare oggi?


    In un mondo che corre sempre più veloce le idee devono essere innovative e al passo con i tempi per diventare vincenti. Capire il mercato e individuare i settori più redditizi non è semplice ma non impossibile: l’intraprendenza dei giovani unita all’innovazione e ad alcune logiche strutturate del fare impresa stanno pian piano rivoluzionando il mondo e la sua economia. Ma quali sono considerati i business migliori? Alcuni si consolidano, altri si rinnovano e non mancano idee originali, scopriamone alcune. Spesso sentiamo parlare del gap innovativo che il nostro paese ha rispetto ai colossi occidentali dell’economia, eppure in Italia stanno fiorendo numerose startup, idee e proposte che si concretizzano negli ambiti più variegati.

  • Local SEO, che cos’è e perché è utile per le PMI


    La Local SEO si conferma uno strumento molto utile grazie ai risultati geolocalizzati dei motori di ricerca. Apparire nel mare del virtuale per incentivare un’attività locale può fare la differenza. In questo articolo cercheremo di capire per quale ragione la local SEO è così importante per le piccole medie aziende che operano sul territorio. Apparire nei motori di ricerca è molto importante per un’azienda, per alcune fondamentale. Al giorno d’oggi le imprese che digitalizzano il loro “biglietto da visita” sono ormai la maggioranza, questo permette loro di farsi conoscere sempre di più. Esistono delle strategie che consentono di ottimizzare i loro prodotti e servizi sbaragliando la competitività locale, il tutto in un mare virtuale a grande scala. In che modo? Può fare la differenza la local SEO, perché permette di aumentare le visite al sito della propria azienda.

  • Manager o leader? Due figure diverse per la leadership in azienda


    Molto spesso in contesti aziendali si sente parlare di management e leadership correndo il rischio di associare i due termini a uno stesso ruolo, ricoperto da una singola figura professionale. In realtà i due ruoli all'interno di un'azienda sono nettamente distinti perché le figure possiedono competenze specifiche che si discostano tra loro.  Preso atto di ciò, in questo articolo si cercherà di chiarire i concetti e le distinzioni che assumono un leader e un manager all'interno di una stessa azienda. Il leader all'interno di un'azienda: chi è e quale ruolo ricopre.

  • La successione aziendale: come gestire il passaggio generazionale.


    Un tema molto delicato per ogni azienda è rappresentato dal passaggio generazionale che dovrà essere valutato con un buon anticipo, per evitare di tralasciare punti fondamentali per la stessa attività. Il passaggio generazionale è un evento intenso non solo a livello di dati, procedure tecniche o eventi economici ma, soprattutto, dal lato psicologico. È difficile lasciar andare una propria "creatura" nelle mani di qualcun'altro con la certezza che i propri valori vengano rispettati.




Leave a Reply

Your email address will not be published.


Comment


Name

Email

Url