Gestione clienti: guide e consigli per gestire la clientela

Gestione clienti: guide e consigli per gestire la clientela

“Noi consideriamo i nostri clienti come ospiti invitati a una festa, dove noi siamo i padroni di casa. Il nostro lavoro di ogni giorno è quello di rendere ogni importante aspetto dell'esperienza del cliente un po' migliore.” Questo concetto appartiene a Jeff Bezos, fondatore di Amazon.com e parla da solo. Il segreto del successo di un'azienda è, senza dubbio, la gestione delle relazioni con i propri clienti.

La gestione del cliente è una parte molto importante nella gestione di un’azienda, un qualcosa che deve essere ben definito e strutturato perché parte fondamentale per il buon funzionamento di un team, indipendentemente dal modello di business che si persegue.

Possedere un portafogli clienti molto vasto non è necessariamente segno di successo, proprio perché se la gestione dei clienti non viene fatta in modo assertivo, quei contatti saranno proprio questo: contatti e non clienti.

Ciò significa che non è utile avere un gran numero di clienti e non essere in grado di dare l'attenzione necessaria a tutti, non sapendo come interagire o semplicemente senza riuscirne a valorizzare l’enorme potenziale.

A causa dell'intensificarsi della concorrenza, dell'elevato livello di maturità dei mercati e dell'esistenza di clienti sempre più esigenti, le aziende hanno riscoperto che, come mai prima d'ora, trattare bene il cliente è la migliore fonte di redditività e crescita per un’azienda, una volta che un cliente è stato conquistato, deve essere fatto tutto il possibile per preservarlo e convincerlo a rimanere. I costi che ciò comporta sono molto inferiori a quelli di ricerca di nuovi clienti.

La risposta quindi è gestire i rapporti con i clienti o, dal suo acronimo inglese, CRM (Customer Relationship Management ).  Stabiliremo di seguito i principi da prendere in considerazione nell'attuazione di una strategia incentrata sul cliente.

Cos’è la gestione dei clienti

Organizzare le informazioni, comprendere le esigenze, interagire con i clienti e offrire un servizio personalizzato sono le caratteristiche di una buona gestione del portafoglio clienti di un'azienda.

Ma in aggiunta è necessario capire tutti i passaggi per una corretta gestione della clientela.

  • Fidelizzare

Fidelizzare il cliente è il primo passo per un’azienda, una fedeltà costruita sulla collaborazione, sulla fiducia e sulla conoscenza reciproca senza dimenticare che, contrariamente a quanto si pensa, una corretta implementazione di una strategia relazionale contribuisce sia alla fidelizzazione dei clienti che all'acquisizione di nuovi a causa della viralità positiva che può scatenare.

  • Costruire un dialogo con il cliente

L'obiettivo che dobbiamo considerare è costruire una relazione con i clienti attraverso un dialogo che continua nel tempo. Pertanto, le comunicazioni non sono più solo a senso unico, in modo che i clienti possano comunicare con il marchio attraverso i diversi canali di interazione stabiliti dall'organizzazione: posta tradizionale, email, sito Web, sms, social network, etc. Un'interazione che si verifica sia a vantaggio del cliente che dell'azienda stessa, diventando ciascuno una nuova opportunità per rafforzare la conoscenza reciproca.

  • Conoscere il cliente

Una strategia relazionale è uno strumento prezioso per comprendere gli aspetti di base della clientela: i loro dati personali, le preferenze, le abitudini di acquisto, i servizi utilizzati, i canali di interazione o le risposte alle promozioni, tra gli altri. L'accesso a queste informazioni, periodicamente, diventa una potente arma competitiva che contribuisce ad aumentare le vendite, migliorare i rapporti con i clienti e offrire ad ogni cliente un servizio migliore e più personalizzato.

  • Costruire un vero e proprio rapporto

Tradizionalmente, la comunicazione tra un’azienda e i propri clienti si è basata sulle esigenze della prima, il suo scopo era quello di persuadere il cliente. Oggi, il marketing è finalizzato a costruire un rapporto continuo con la clientela, con la premessa del vantaggio reciproco, in cui lo scambio di informazioni gioca un ruolo chiave nella creazione di valore.

  • Differenziare

In un mondo che tende all'uniformità, dove i prodotti sono sempre più simili, e le promesse legate a concetti come la qualità, la leadership o l'innovazione stanno perdendo il loro significato, la gestione del cliente e dei servizi stanno diventando uno dei pochi elementi di differenziazione tra i marchi. Ogni interazione con il cliente è un'opportunità per migliorare la conoscenza delle loro preferenze e necessità. In questo modo, un approccio relazionale costituisce una buona strategia di differenziazione grazie al fatto che include un insieme integrato di valori basati sulla ricompensa, un trattamento personalizzato e lo scambio di informazioni e conoscenze che i concorrenti difficilmente possono imitare.

  • Collaborare

Dobbiamo basarci sul principio che il modo migliore per creare valore è l'interdipendenza, la cooperazione continua, l'interazione stretta e la dipendenza reciproca, cioè la simbiosi. Per dirla in altro modo, nella convinzione che è molto più redditizio investire in relazioni stabili basate sulla collaborazione.

  • Personalizzare

Non c'è dubbio che siamo di fronte ad uno scenario in cui i canali pubblicitari tradizionali o il marketing tradizionale stanno perdendo la loro efficacia a causa dell’alto livello di saturazione. Siamo esposti a più di 2000 input al giorno, quindi abbiamo sviluppato alcuni processi di filtro, conservando solo ciò che ci interessa di più, ci influenza di più o si riferisce al nostro modo di pensare affettivo. In questo senso, l'amministrazione dell'esperienza con i clienti (CEM - Customer Experience Management) gioca un ruolo predominante.

Il marketing relazionale riconosce ogni cliente come un individuo, con le sue specifiche esigenze individuali. Questa è la base per personalizzare ogni interazione con un cliente in base ai suoi interessi e preferenze derivati dalla conoscenza che abbiamo su di lui o lei. Il risultato sono messaggi, offerte e proposte più rilevanti per il cliente, che aggiungono più valore alla relazione, rafforzano il legame con il marchio e migliorano l'efficacia della comunicazione.

  • Creare esperienze

La commercializzazione relazionale ruota intorno a persone, in cui i prodotti non sono più solo gli oggetti con caratteristiche funzionali, ma un valido mezzo per facilitare e rendere le esperienze con i clienti memorabili.

Pertanto, ogni interazione del cliente con l'organizzazione viene memorizzata e quell'esperienza determina il suo comportamento futuro con il marchio. Questo processo continuo di interazioni ed esperienze definisce la qualità delle relazioni.

Sfortunatamente, non tutti i professionisti vedono questa importanza o seguono il modello delle grandi aziende che citiamo e così finiscono per mantenere lo stesso modello di anni fa e, naturalmente, perdendo vendite dopo vendita.

Share




Contattaci


Nome


E-Mail


Telefono


Messaggio


Congratulations. Your message has been sent successfully.
Error, please retry. Your message has not been sent.



  • Perché sempre più aziende chiedono il supporto di un coach?


    La figura del coaching è ormai in rapida ascesa anche in Italia, ma perché sempre più aziende chiedono il supporto di un coach? Tutto in questo articolo. La figura professionale del coach arriva da oltre oceano e non è certo una scoperta italiana, anzi possiamo dire che noi in questo caso siamo arrivati molto dopo alcune grandi nazioni come l’America dove questa figura professionale è riconosciuta e molto affermata. Il coaching di ogni tipologia in America è popolarissimo ed è infatti qui che ogni anno centinaia di formatori e studenti di coaching si recano per assistere ai convegni organizzati dai più grandi coach al mondo. In Italia questa figura professionale sta prendendo piede in questi anni, dove sempre più aziende chiedono il supporto di un coach esterno o cercano l’inserimento di un coach interno aziendale per poterne beneficiare. Perché questo cambiamento? Semplice perché ad oggi la realtà è molto diversa da quella che avevamo 50 anni fa.

  • Cosa pianificare per una giusta strategia di marketing?


    Stai aprendo un’attività o hai già un’attività sul mercato? Ecco tutto quello che devi considerare per una giusta strategia di marketing. Se c’è un fattore che una qualsiasi azienda non può e non deve sottovalutare è una buona strategia di marketing. Il marketing è l’ingrediente finale che permette alla nostra azienda di risaltare su tutte le altre, le permette di essere notata e di arrivare ogni giorno a centinaia di possibili clienti che potrebbero sceglierla. È solo grazie alla giusta strategia di marketing che un’azienda può rivelarsi di successo oppure no. Sebbene ad oggi i mezzi di promozione di un’attività si sono moltiplicati grazie all’utilizzo dei social network alla base di ogni promozione troviamo sempre una strategia di marketing. Ecco perché in questo articolo andremo ad informarti su tutto ciò che c’è da considerare per un’ottima strategia di marketing.

  • Come trovare i candidati perfetti per la tua attività


    Sei alla ricerca di personale nuovo da assumere? Hai bisogno di un esperto o di un’apprendista? In questo articolo ti parleremo di come trovare i candidati perfetti per la tua attività. Tutte le aziende prima o poi si imbattono nella possibilità di assunzione di personale. È normale e positivo, infatti quando si punta ad assumere nuovi dipendenti i fattori che ci portano a questa esigenza sono diversi ma ci sono due possibilità che risaltano su tutte: l’imminente crescita dell’azienda e quindi la sua espansione, la necessità di trovare una persona più qualificata in un determinato settore. Diventa perciò importante e vitale che ogni azienda possa trovare il candidato perfetto.

  • Come scegliere il corso di formazione per i tuoi dipendenti


    Sei alla ricerca di un corso di formazione? Come sceglierlo tra le tante proposte che troviamo? Leggi l’articolo. Sempre più aziende hanno capito l’importanza di dipendenti formati. Il nostro mondo viaggia rapidamente, si evolve, e vediamo ogni giorno la comparsa di nuovi strumenti, piattaforme, prodotti digitali e non che dobbiamo imparare a gestire nel migliore dei modi. Un’azienda che rimane legata al passato non può andare avanti. Bisogna evolversi, adeguarsi e rendersi competitivi nel proprio settore. Non solo importando le novità tecnologiche e strumentali nella propria azienda, ma anche e soprattutto formando i propri dipendenti. Se usufruiamo nella nostra impresa di prodotti altamente tecnologici ma con nessuno che sappia sfruttarli allora il nostro investimento economico sarà nullo. Si all’investimento verso le nuove tecnologie e strumentazioni ma si anche all’investimento economico sui nostri dipendenti.

  • Consulenza aziendale nel settore fashion, orgoglio del made in Italy. Tutte le strategie del marketing della moda


    Il Bel Paese della creatività e dello stile, il mondo della moda e del made in Italy si confermano un settore dinamico e competitivo, da qualche decennio rivoluzionato al virtuale. La fashion industry viaggia nel web a tempo di clic e spazia oltre i confini creando fatturato e fantasia, un universo creativo ben strutturato dal web marketing capace di coinvolgere milioni di persone. A dettare legge i guru della moda e una miriade di addetti ai lavori molto influenti, dalle piccole medie imprese alle fashion blogger. Scopriamo quali sono le loro strategie La moda è un caposaldo del comparto produttivo italiano e con l’avvento di internet negli ultimi anni si è profondamente trasformata. Le abitudini del consumatore sono cambiate, non bastano più le riviste patinate e le fashion week a dettare le ultime tendenze.

  • Sicurezza sul lavoro, via ai corsi obbligatori


    La sicurezza sul lavoro è focalizzata sulla formazione di dipendenti ed imprenditori, un aspetto sempre più determinante per la salvaguardia di chi lavora e per la tutela dell’impresa. Nel mese di novembre hanno preso il via i corsi sicurezza sul lavoro obbligatori per legge Secondo le stime annuali il 2019 detiene un triste primato per i decessi sul luogo di lavoro. I dati attestano che nei primi mesi di quest'anno, sono stati 482 i morti sul lavoro, mentre gli infortuni meno gravi sono diminuiti, ma solo dello 0,2%, con un totale di 323.831 incidenti.




Leave a Reply

Your email address will not be published.


Comment

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto


Name

Email

Url