Instagram: il futuro dei social network e come cambierà il marketing

I brand che vogliono dominare il mercato del futuro con la propria brand identity non possono prescindere dallo studio costante dei social media. Tra questi, inevitabile, l’aggiornamento continuo su Instagram che ha iniziato il 2019 con stories da tutto il mondo.

Ma cosa spinge l’utenza a richiedere stories e soprattutto in modalità video?

Le stories sono lo strumento novità del 2018, ma quest’anno sono state introdotte anche su Facebook e nei gruppi di LinkedIn rendendole strumento di proficua condivisione.

I dati del 2017 riportano una cifra pari al 90% di contenuti video condivisi. Potremmo dare la responsabilità di questo alla pigrizia dell’utente medio ma sbaglieremmo, considerato che dallo studio dei trend emergenti si manifesta, negli utenti dei social, un’esigenza di verità, sicurezza e trasparenza, soprattutto dopo il recente scivolone di Zuckerberg riguardo la tutela della privacy.

L’utente infatti è spesso insicuro e restio a lasciare dati e le aziende devono affrontare con consapevolezza questo comportamento. Il video sembra proprio incarnare la soluzione a disposizione dell’azienda per aumentare la fiducia dall’utente perché è breve, diretto e, se fatto nel modo giusto, credibile.

L’esigenza dell’utente è motivata anche dal capire la vera identità dell’azienda per potersi immedesimare in essa e condividerne i principi che sempre più spesso sono apprezzati se legati a concetti come la sostenibilità e il rispetto delle persone.

Questo perché da una società che i più critici delle nuove tecnologie definiscono narcisista, nella quale l'apparire spesso diventa uno scopo di vita, di riflesso non possiamo che aspettarci una grandissima considerazione nei confronti dei nostri personaggi seguiti, finendo di fatto per sentirci da questi rappresentati.

“Live streaming is the new queen

L’importanza dello storytelling è fotografata dal grande aumento dei volumi di materiale video prodotto dagli utenti, consuetudine ormai etichettata con la definizione “video is the king”, ma che negli ultimi tempi è stata superata dal successo dei contenuti live delle stories, tanto da permettere ai specialisti dei social, di azzardare la definizione di “live streaming is the new queen”.

Stando alle statistiche di TechCruch le stories sono cresciute di circa 15 volte rispetto al numero di condivisioni del tradizionale post permanente, posizionandosi nella top player del contenuto condiviso.

E sotto questo aspetto non va trascurata, soprattutto nelle ultime generazioni, la grande diffusione delle nuove app come Tiktok, in cui l’utente è, non solo protagonista come in tutti i social, bensì vero e proprio performer.

Proprio la generazione Z, (i centennials per intenderci) infatti, entra a gamba tesa nel mercato dei consumi con nuove esigenze, (come metodi di fruizione sempre più veloci) e richieste di nuove esperienze (come la brand experience di Coca Cola che fa comprare la lattina al proprio avversario della nazionale), guidando i brand verso la soddisfazione di questi nuovi bisogni.

Dall’altro lato sono proprio le aziende che cercano nuove nicchie di mercato, si accorgono della specificità di esse e cercano di intercettarle prima di altre. In questo contesto sono fondamentali i micro-influencer, personaggi di nicchia con anche 10.000 followers, conosciute, ma non su larga scala. Persone che gli utenti vedono come un esempio reale di cui fidarsi perché vicini, senza quell' esasperazione commerciale propria dei classici influencers ormai troppo costosi per le aziende di piccole e medie dimensioni.

Realtà aumentata e intelligenza artificiale

Alla figura del micro-influencer si aggiungono le virtual influencer, personaggi come Sophia the Robot, Lil Miquela, e Shudu, diventate famose in occidente ma che sono solo il risultato del trend scoppiato in Cina da circa tre anni, soprattutto nel fashion luxury.

Si tratta di robot creati con tecnologie di intelligenza artificiale spesso usati nelle nuove chatbot per l'assistenza al cliente 24 ore su 24; una vera e propria tendenza all'interno del mondo della realtà aumentata della quale gli utenti dei social fanno sempre più esperienza nelle loro bacheche.

In questo panorama in cui la Customer Experience acquisisce una grandissima importanza, la profilazione del cliente al fine di captare i suoi bisogni deve trovare sempre soluzioni nuove e più accurate. Si pensi ad esempio all’introduzione di sensori IoT nei negozi fisici, per offrire sconti personalizzati.

IGTV COME G+?

L’esigenza di immediatezza è registrata anche dall’introduzione da parte di Instagram (che ci prova in tutti i modi ad accontentare e dare nuovi stimoli alla sua utenza), di IGTV.

Tra gli elementi innovativi della promessa del social troviamo la verticalità della pubblicazione del contenuto, la divisione in canali come fosse una vera e propria tv, e la durata senza limiti che la differenzia dalle stories.

Scaricando l’apposita app di IGTV inoltre si ha l’impressione di accendere proprio la Tv, poiché si è catapultati sui contenuti di proprio interesse automaticamente, si può scorrere verso l’alto e scegliere tra “Per te”, “Persone che segui”, “Popolari” e “Continua a guardare”, potendo apprezzare con il like, commentare e inoltrare video su Direct.

L’introduzione di IGTV sembrava essere lo strumento rivoluzionario dell’app, invece se non farà la fine di G+, del quale nel 2018 è stata ufficialmente annunciata la chiusura, per ora è sulla buona strada per un flop.

Inoltre i dati raccolti da Buffer sulla situazione dei social nel 2019 delineano una vera e propria mancanza di volontà da parte delle aziende di voler usare IGTV; ma attendiamo le evoluzioni, non dimenticando che lo stesso IG ha visto i suoi anni bui.

L’evoluzione di instagram nello shopping online

Instagram ha sempre ben chiari i trend emergenti e non perde tempo a farli propri per favorire le aziende nel percorso verso la velocità e l’immediatezza. Un esempio è l'introduzione della la funzione “Checkout with Instagram”, al momento fruibile solo dal pubblico statunitense, che presto permetterà anche agli utenti italiani di concludere una transazione di acquisto direttamente all'interno della piattaforma. Gli utenti avranno inoltre a disposizione una sezione “ordini” in cui saranno memorizzati i dati dell’acquisto (non del pagamento) e in cui si potrà tracciare il tanto atteso ordine.

Instagram così potrà rappresentare sia la piattaforma dello scambio di informazioni e valutazioni del prodotto (momento di confronto sempre più importante, dove l’utente atterra e decide prima di acquistare), che piattaforma di acquisto.

Probabilmente la stessa funzione verrà assorbita anche da Facebook e da WhatsApp trasformando gli strumenti in vere e proprie piattaforme nelle quali le aziende potranno dare vita a strategie di vendita, consentendo a Zuckerberg un nuovo flusso di ricavi, insieme a quello derivante dall’ advertising.

Tuttavia, dati gli alti tassi di preferenza di Instagram da parte del pubblico rispetto alle sue piattaforme sorelle, c'è da chiedersi se queste saranno solo di supporto o se, Instagram sarà il solo social del futuro.

Share




Contattaci


Nome


E-mail


Telefono


Messaggio


Congratulations. Your message has been sent successfully.
Error, please retry. Your message has not been sent.



  • Perché sempre più aziende chiedono il supporto di un coach?


    La figura del coaching è ormai in rapida ascesa anche in Italia, ma perché sempre più aziende chiedono il supporto di un coach? Tutto in questo articolo. La figura professionale del coach arriva da oltre oceano e non è certo una scoperta italiana, anzi possiamo dire che noi in questo caso siamo arrivati molto dopo alcune grandi nazioni come l’America dove questa figura professionale è riconosciuta e molto affermata. Il coaching di ogni tipologia in America è popolarissimo ed è infatti qui che ogni anno centinaia di formatori e studenti di coaching si recano per assistere ai convegni organizzati dai più grandi coach al mondo. In Italia questa figura professionale sta prendendo piede in questi anni, dove sempre più aziende chiedono il supporto di un coach esterno o cercano l’inserimento di un coach interno aziendale per poterne beneficiare. Perché questo cambiamento? Semplice perché ad oggi la realtà è molto diversa da quella che avevamo 50 anni fa.

  • Cosa pianificare per una giusta strategia di marketing?


    Stai aprendo un’attività o hai già un’attività sul mercato? Ecco tutto quello che devi considerare per una giusta strategia di marketing. Se c’è un fattore che una qualsiasi azienda non può e non deve sottovalutare è una buona strategia di marketing. Il marketing è l’ingrediente finale che permette alla nostra azienda di risaltare su tutte le altre, le permette di essere notata e di arrivare ogni giorno a centinaia di possibili clienti che potrebbero sceglierla. È solo grazie alla giusta strategia di marketing che un’azienda può rivelarsi di successo oppure no. Sebbene ad oggi i mezzi di promozione di un’attività si sono moltiplicati grazie all’utilizzo dei social network alla base di ogni promozione troviamo sempre una strategia di marketing. Ecco perché in questo articolo andremo ad informarti su tutto ciò che c’è da considerare per un’ottima strategia di marketing.

  • Come trovare i candidati perfetti per la tua attività


    Sei alla ricerca di personale nuovo da assumere? Hai bisogno di un esperto o di un’apprendista? In questo articolo ti parleremo di come trovare i candidati perfetti per la tua attività. Tutte le aziende prima o poi si imbattono nella possibilità di assunzione di personale. È normale e positivo, infatti quando si punta ad assumere nuovi dipendenti i fattori che ci portano a questa esigenza sono diversi ma ci sono due possibilità che risaltano su tutte: l’imminente crescita dell’azienda e quindi la sua espansione, la necessità di trovare una persona più qualificata in un determinato settore. Diventa perciò importante e vitale che ogni azienda possa trovare il candidato perfetto.

  • Come scegliere il corso di formazione per i tuoi dipendenti


    Sei alla ricerca di un corso di formazione? Come sceglierlo tra le tante proposte che troviamo? Leggi l’articolo. Sempre più aziende hanno capito l’importanza di dipendenti formati. Il nostro mondo viaggia rapidamente, si evolve, e vediamo ogni giorno la comparsa di nuovi strumenti, piattaforme, prodotti digitali e non che dobbiamo imparare a gestire nel migliore dei modi. Un’azienda che rimane legata al passato non può andare avanti. Bisogna evolversi, adeguarsi e rendersi competitivi nel proprio settore. Non solo importando le novità tecnologiche e strumentali nella propria azienda, ma anche e soprattutto formando i propri dipendenti. Se usufruiamo nella nostra impresa di prodotti altamente tecnologici ma con nessuno che sappia sfruttarli allora il nostro investimento economico sarà nullo. Si all’investimento verso le nuove tecnologie e strumentazioni ma si anche all’investimento economico sui nostri dipendenti.

  • Consulenza aziendale nel settore fashion, orgoglio del made in Italy. Tutte le strategie del marketing della moda


    Il Bel Paese della creatività e dello stile, il mondo della moda e del made in Italy si confermano un settore dinamico e competitivo, da qualche decennio rivoluzionato al virtuale. La fashion industry viaggia nel web a tempo di clic e spazia oltre i confini creando fatturato e fantasia, un universo creativo ben strutturato dal web marketing capace di coinvolgere milioni di persone. A dettare legge i guru della moda e una miriade di addetti ai lavori molto influenti, dalle piccole medie imprese alle fashion blogger. Scopriamo quali sono le loro strategie La moda è un caposaldo del comparto produttivo italiano e con l’avvento di internet negli ultimi anni si è profondamente trasformata. Le abitudini del consumatore sono cambiate, non bastano più le riviste patinate e le fashion week a dettare le ultime tendenze.

  • Sicurezza sul lavoro, via ai corsi obbligatori


    La sicurezza sul lavoro è focalizzata sulla formazione di dipendenti ed imprenditori, un aspetto sempre più determinante per la salvaguardia di chi lavora e per la tutela dell’impresa. Nel mese di novembre hanno preso il via i corsi sicurezza sul lavoro obbligatori per legge Secondo le stime annuali il 2019 detiene un triste primato per i decessi sul luogo di lavoro. I dati attestano che nei primi mesi di quest'anno, sono stati 482 i morti sul lavoro, mentre gli infortuni meno gravi sono diminuiti, ma solo dello 0,2%, con un totale di 323.831 incidenti.




Leave a Reply

Your email address will not be published.


Comment


Name

Email

Url