Instagram: il futuro dei social network e come cambierà il marketing

I brand che vogliono dominare il mercato del futuro con la propria brand identity non possono prescindere dallo studio costante dei social media. Tra questi, inevitabile, l’aggiornamento continuo su Instagram che ha iniziato il 2019 con stories da tutto il mondo.

Ma cosa spinge l’utenza a richiedere stories e soprattutto in modalità video?

Le stories sono lo strumento novità del 2018, ma quest’anno sono state introdotte anche su Facebook e nei gruppi di LinkedIn rendendole strumento di proficua condivisione.

I dati del 2017 riportano una cifra pari al 90% di contenuti video condivisi. Potremmo dare la responsabilità di questo alla pigrizia dell’utente medio ma sbaglieremmo, considerato che dallo studio dei trend emergenti si manifesta, negli utenti dei social, un’esigenza di verità, sicurezza e trasparenza, soprattutto dopo il recente scivolone di Zuckerberg riguardo la tutela della privacy.

L’utente infatti è spesso insicuro e restio a lasciare dati e le aziende devono affrontare con consapevolezza questo comportamento. Il video sembra proprio incarnare la soluzione a disposizione dell’azienda per aumentare la fiducia dall’utente perché è breve, diretto e, se fatto nel modo giusto, credibile.

L’esigenza dell’utente è motivata anche dal capire la vera identità dell’azienda per potersi immedesimare in essa e condividerne i principi che sempre più spesso sono apprezzati se legati a concetti come la sostenibilità e il rispetto delle persone.

Questo perché da una società che i più critici delle nuove tecnologie definiscono narcisista, nella quale l'apparire spesso diventa uno scopo di vita, di riflesso non possiamo che aspettarci una grandissima considerazione nei confronti dei nostri personaggi seguiti, finendo di fatto per sentirci da questi rappresentati.

“Live streaming is the new queen

L’importanza dello storytelling è fotografata dal grande aumento dei volumi di materiale video prodotto dagli utenti, consuetudine ormai etichettata con la definizione “video is the king”, ma che negli ultimi tempi è stata superata dal successo dei contenuti live delle stories, tanto da permettere ai specialisti dei social, di azzardare la definizione di “live streaming is the new queen”.

Stando alle statistiche di TechCruch le stories sono cresciute di circa 15 volte rispetto al numero di condivisioni del tradizionale post permanente, posizionandosi nella top player del contenuto condiviso.

E sotto questo aspetto non va trascurata, soprattutto nelle ultime generazioni, la grande diffusione delle nuove app come Tiktok, in cui l’utente è, non solo protagonista come in tutti i social, bensì vero e proprio performer.

Proprio la generazione Z, (i centennials per intenderci) infatti, entra a gamba tesa nel mercato dei consumi con nuove esigenze, (come metodi di fruizione sempre più veloci) e richieste di nuove esperienze (come la brand experience di Coca Cola che fa comprare la lattina al proprio avversario della nazionale), guidando i brand verso la soddisfazione di questi nuovi bisogni.

Dall’altro lato sono proprio le aziende che cercano nuove nicchie di mercato, si accorgono della specificità di esse e cercano di intercettarle prima di altre. In questo contesto sono fondamentali i micro-influencer, personaggi di nicchia con anche 10.000 followers, conosciute, ma non su larga scala. Persone che gli utenti vedono come un esempio reale di cui fidarsi perché vicini, senza quell' esasperazione commerciale propria dei classici influencers ormai troppo costosi per le aziende di piccole e medie dimensioni.

Realtà aumentata e intelligenza artificiale

Alla figura del micro-influencer si aggiungono le virtual influencer, personaggi come Sophia the Robot, Lil Miquela, e Shudu, diventate famose in occidente ma che sono solo il risultato del trend scoppiato in Cina da circa tre anni, soprattutto nel fashion luxury.

Si tratta di robot creati con tecnologie di intelligenza artificiale spesso usati nelle nuove chatbot per l'assistenza al cliente 24 ore su 24; una vera e propria tendenza all'interno del mondo della realtà aumentata della quale gli utenti dei social fanno sempre più esperienza nelle loro bacheche.

In questo panorama in cui la Customer Experience acquisisce una grandissima importanza, la profilazione del cliente al fine di captare i suoi bisogni deve trovare sempre soluzioni nuove e più accurate. Si pensi ad esempio all’introduzione di sensori IoT nei negozi fisici, per offrire sconti personalizzati.

IGTV COME G+?

L’esigenza di immediatezza è registrata anche dall’introduzione da parte di Instagram (che ci prova in tutti i modi ad accontentare e dare nuovi stimoli alla sua utenza), di IGTV.

Tra gli elementi innovativi della promessa del social troviamo la verticalità della pubblicazione del contenuto, la divisione in canali come fosse una vera e propria tv, e la durata senza limiti che la differenzia dalle stories.

Scaricando l’apposita app di IGTV inoltre si ha l’impressione di accendere proprio la Tv, poiché si è catapultati sui contenuti di proprio interesse automaticamente, si può scorrere verso l’alto e scegliere tra “Per te”, “Persone che segui”, “Popolari” e “Continua a guardare”, potendo apprezzare con il like, commentare e inoltrare video su Direct.

L’introduzione di IGTV sembrava essere lo strumento rivoluzionario dell’app, invece se non farà la fine di G+, del quale nel 2018 è stata ufficialmente annunciata la chiusura, per ora è sulla buona strada per un flop.

Inoltre i dati raccolti da Buffer sulla situazione dei social nel 2019 delineano una vera e propria mancanza di volontà da parte delle aziende di voler usare IGTV; ma attendiamo le evoluzioni, non dimenticando che lo stesso IG ha visto i suoi anni bui.

L’evoluzione di instagram nello shopping online

Instagram ha sempre ben chiari i trend emergenti e non perde tempo a farli propri per favorire le aziende nel percorso verso la velocità e l’immediatezza. Un esempio è l'introduzione della la funzione “Checkout with Instagram”, al momento fruibile solo dal pubblico statunitense, che presto permetterà anche agli utenti italiani di concludere una transazione di acquisto direttamente all'interno della piattaforma. Gli utenti avranno inoltre a disposizione una sezione “ordini” in cui saranno memorizzati i dati dell’acquisto (non del pagamento) e in cui si potrà tracciare il tanto atteso ordine.

Instagram così potrà rappresentare sia la piattaforma dello scambio di informazioni e valutazioni del prodotto (momento di confronto sempre più importante, dove l’utente atterra e decide prima di acquistare), che piattaforma di acquisto.

Probabilmente la stessa funzione verrà assorbita anche da Facebook e da WhatsApp trasformando gli strumenti in vere e proprie piattaforme nelle quali le aziende potranno dare vita a strategie di vendita, consentendo a Zuckerberg un nuovo flusso di ricavi, insieme a quello derivante dall’ advertising.

Tuttavia, dati gli alti tassi di preferenza di Instagram da parte del pubblico rispetto alle sue piattaforme sorelle, c'è da chiedersi se queste saranno solo di supporto o se, Instagram sarà il solo social del futuro.

Share




Contattaci


Nome


E-mail


Telefono


Messaggio


Congratulations. Your message has been sent successfully.
Error, please retry. Your message has not been sent.



  • Analisi di portafoglio: cliente, prodotto e vendita


    Nella maggior parte delle aziende affinché tutto sia gestito al meglio si parla, molto spesso, di analisi di portafoglio, ma cos'è esattamente? Qui cercheremo di spiegare a grandi linee tutto lo studio e l'attenzione che c'è dietro. L'analisi di portafoglio è una procedura utilizzata nel management in grado di chiarire su quali business l'azienda dovrebbe investire, su quali non conviene e, soprattutto, la quantità di investimenti necessaria perché si riduca al minimo il rischio di perdita. Il fine ultimo di questa prassi è proprio quello di evidenziare tutte quelle attività volte a far crescere l'azienda, chiarire i punti deboli e muoversi in questo enorme labirinto chiamato "mercato economico”.

  • Crisis management: cos’è e come e come gestire crisi aziendali


    Il crisis management è il processo con il quale un’organizzazione fronteggia una situazione potenzialmente dannosa per le prestazioni e la fama aziendale, attraverso l’impiego di alcune pratiche che possano così prevenire, gestire e sedare gli esiti svantaggiosi della crisi. Il crisis management è dunque necessario per far fronte a problemi ed interruzioni che sopraggiungono nelle diverse fasi che compongo un qualsiasi tipo di business, siano essi provocati da eventi interni o esterni alla società, e che daranno vita ad una serie di ripercussioni negative, quali danni di produttività, d’immagine, ed in casi estremi, il fallimento.

  • Gestione clienti: guide e consigli per gestire la clientela


    “Noi consideriamo i nostri clienti come ospiti invitati a una festa, dove noi siamo i padroni di casa. Il nostro lavoro di ogni giorno è quello di rendere ogni importante aspetto dell'esperienza del cliente un po' migliore.” Questo concetto appartiene a Jeff Bezos, fondatore di Amazon.com e parla da solo. Il segreto del successo di un'azienda è, senza dubbio, la gestione delle relazioni con i propri clienti. La gestione del cliente è una parte molto importante nella gestione di un’azienda, un qualcosa che deve essere ben definito e strutturato perché parte fondamentale per il buon funzionamento di un team, indipendentemente dal modello di business che si persegue. Possedere un portafogli clienti molto vasto non è necessariamente segno di successo, proprio perché se la gestione dei clienti non viene fatta in modo assertivo, quei contatti saranno proprio questo: contatti e non clienti.

  • Come aumentare il fatturato dell’azienda


    In un mercato sempre più spietato e competitivo, un imprenditore che abbia come obiettivo quello di mantenere la propria attività in salute e soprattutto competitiva dovrà per forza di cose conoscere minuziosamente l’andamento finanziario del proprio business, avendo quindi sempre sotto controllo la mole di fatturato e la liquidità presente in cassa, per evitare problemi, ridimensionamenti o addirittura il fallimento. Aumentare il fatturato è certamente uno dei desideri più ricorrenti per qualsiasi imprenditore o direttore del marketing che si rispetti, e come riuscire ad incrementare le vendite di prodotti e servizi, realizzando più ricavi, è anch’essa una delle domande più frequenti.

  • Analisi degli scostamenti del fatturato mese su mese


    Un’azienda che voglia mantenersi attiva e competitiva sul mercato, soprattutto ed ovviamente nel lungo periodo, dovrà sempre e costantemente avere piena coscienza di sé stessa; in parole povere, l’imprenditore che ha come obiettivo quello di rendere il proprio business vincente ed in continua espansione, dovrà per forza conoscere e monitorare l’andamento finanziario della propria impresa. Le motivazioni sono presto spiegate: un’impresa che dovesse ritrovarsi a corto di liquidità, oppure con un fatturato non all’altezza delle proprie necessità è un’impresa che sarà inevitabilmente condannata al fallimento, o nel migliore dei casi ad un sostanziale ridimensionamento rispetto alle premesse con le quali era nata.

  • Che cos’è l’analisi degli scostamenti cash flow?


    Un vecchio adagio inglese così recita: “Turnover is vanity, profit is sanity but cash is reality!”, tradotto in parole povere significa che i volumi di fatturato ed i margini di profitto sono sì importanti e degni di considerazione, ma i flussi di cassa rappresentano l’elemento portante di qualsiasi azienda, e saperli gestire in maniera corretta farà sicuramente la differenza tra il successo ed il fallimento. L’analisi degli scostamenti è parte integrante del cosiddetto controllo di gestione (CdG), ossia quel meccanismo operativo tramite il quale la direzione aziendale, a prescindere dal settore di competenza, potrà assicurarsi che le risorse acquisite vengano impiegate in modo efficace per poter raggiungere e perseguire gli obiettivi aziendali prefissati in fase di pianificazione operativa.




Leave a Reply

Your email address will not be published.


Comment


Name

Email

Url