Manager o leader? Due figure diverse per la leadership in azienda

Manager o leader? Due figure diverse per la leadership in azienda

Molto spesso in contesti aziendali si sente parlare di management e leadership correndo il rischio di associare i due termini a uno stesso ruolo, ricoperto da una singola figura professionale.

In realtà i due ruoli all'interno di un'azienda sono nettamente distinti perché le figure possiedono competenze specifiche che si discostano tra loro

Preso atto di ciò, in questo articolo si cercherà di chiarire i concetti e le distinzioni che assumono un leader e un manager all'interno di una stessa azienda.

Il leader all'interno di un'azienda: chi è e quale ruolo ricopre.

La leadership è un concetto molto ampio e spesso viene decantata come caratteristica personale che determinate persone hanno in modo naturale. Un leader è una persona in grado di utilizzare metodi comunicativi tali da portare ogni risorsa del team, o reparto, dell'azienda a dare il meglio di sé al fine del raggiungimento di un obiettivo comune.

Un leader è un vero e proprio motivatore, capace di una forte empatia, comprensione e capacità di inspirare fiducia. Come già detto quando abbiamo parlato di Team Building e gestione delle risorse umane è fondamentale, in un contesto aziendale, avere un team coeso e focalizzato al raggiungimento di obiettivi comuni, coinvolgendo ciascun membro al suo interno.

Tutto questo è auspicabile ma non di facile realizzazione perché le persone hanno modelli di comportamento differenti tra loro e, spesso, ciò causa malintesi, discussioni che non consentono di sentirsi parte attiva dell'obiettivo stesso.

Questo oltre al malcontento generale finisce per creare situazioni in cui nessuno riesce a dare davvero il 100% delle proprie capacità. Un leader ha il compito di creare armonia all'interno del team e trasformare il suo ruolo in un punto di riferimento sia all'interno dell'azienda che fuori. Il leader ha come nucleo centrale del proprio lavoro le persone.

Manager di un'azienda: chi è e quale ruolo ricopre

Il management è, al contrario del precedente, un ruolo formale, con obiettivi precisi che nulla hanno a che fare con i rapporti umani che si vengono a creare all'interno del team. Il manager ha il compito preciso di gestire nel miglior modo possibile il proprio progetto.

Le sue attività principali prevedono il controllo del budget a disposizione, l'approvazione di piani marketing, la definizione chiara degli obiettivi da raggiungere nel breve, medio e lungo periodo. L'obiettivo principale di un manager non sono le persone bensì le cose, cioè dati oggettivi, numeri, documenti, fatture, schede tecniche, tutti elementi che escludono in qualche modo i collaboratori. 

Leadership e management a confronto

Chiarite le due figure è bene, in poche righe, definire le differenze tra i due ruoli. 

Il manager ha come obiettivo principale quello di "fare le cose per bene", riassumendo il management in efficienza.

Il leader ha come focus principale quello di "fare le cose in modo giusto", riassumendo la leadership in efficacia

Leader o manager: in un'azienda quale figura scegliere? 

Molto spesso si è portati a pensare di poter scegliere una figura rispetto all'altra ma la realtà dei fatti porta a constatare che, essendo due figure con ruoli nettamente differenti, all'interno di un contesto aziendale sarebbe auspicabile avere entrambi. Lo scopo dovrebbe essere quello di completarsi a vicenda, di lavorare in sinergia rispettando e comunicando in modo produttivo.

Il manager si occuperà di chiarire il progetto, definire la tipologia di risorse che servono, il budget e tutto quello che riguarda l'obiettivo collettivo da raggiungere mentre il leader avrà interesse verso tutte le relazioni umane utili a portare tutte le risorse all'interno di un team per collaborare verso uno scopo comune, motivati a dare il loro massimo. 

Solo in questo modo si potrà ottenere il massimo del risultato da un progetto in grado di essere perseguito dal lato tecnico, economico e da quello umano senza sprechi di energia a causa di un deficit da parte di queste due realtà professionali.

Leadership e management: in conclusione

Con questo articolo l'intento è stato quello di chiarire le differenze tra queste due figure professionali presenti in un contesto lavorativo, della loro importanza e del ruolo che ricoprono all'interno dell'azienda.

Se avete voglia di approfondire questi concetti potete contattarci o dare uno sguardo al nostro Sito Web.

Share




Contattaci


Nome


E-Mail


Telefono


Messaggio


Congratulations. Your message has been sent successfully.
Error, please retry. Your message has not been sent.



  • Consulenza aziendale nel settore fashion, orgoglio del made in Italy. Tutte le strategie del marketing della moda


    Il Bel Paese della creatività e dello stile, il mondo della moda e del made in Italy si confermano un settore dinamico e competitivo, da qualche decennio rivoluzionato al virtuale. La fashion industry viaggia nel web a tempo di clic e spazia oltre i confini creando fatturato e fantasia, un universo creativo ben strutturato dal web marketing capace di coinvolgere milioni di persone. A dettare legge i guru della moda e una miriade di addetti ai lavori molto influenti, dalle piccole medie imprese alle fashion blogger. Scopriamo quali sono le loro strategie La moda è un caposaldo del comparto produttivo italiano e con l’avvento di internet negli ultimi anni si è profondamente trasformata. Le abitudini del consumatore sono cambiate, non bastano più le riviste patinate e le fashion week a dettare le ultime tendenze.

  • Sicurezza sul lavoro, via ai corsi obbligatori


    La sicurezza sul lavoro è focalizzata sulla formazione di dipendenti ed imprenditori, un aspetto sempre più determinante per la salvaguardia di chi lavora e per la tutela dell’impresa. Nel mese di novembre hanno preso il via i corsi sicurezza sul lavoro obbligatori per legge Secondo le stime annuali il 2019 detiene un triste primato per i decessi sul luogo di lavoro. I dati attestano che nei primi mesi di quest'anno, sono stati 482 i morti sul lavoro, mentre gli infortuni meno gravi sono diminuiti, ma solo dello 0,2%, con un totale di 323.831 incidenti.

  • Corso di laurea in gestione d’impresa, ecco come si formano i manager del futuro


    I professionisti del domani si specializzano con dei corsi ad hoc: per fare impresa ci vuole passione ma anche il giusto metodo. Sono sempre più numerosi i giovani che desiderano costruire una realtà imprenditoriale con le idee chiare: il corso di Laurea in Gestione di Impresa ne è l’esempio lampante ed è sempre più richiesto. Una laurea in economia specifica che forma i manager del futuro, il corso in Gestione d’Impresa appartiene alla classe delle Lauree universitarie in Scienze dell'economia e della gestione aziendale (classe L-18). Secondo le statistiche, questa proposta formativa diffusa in vari atenei d’Italia conferma numerosi iscritti negli ultimi anni. Sono sempre più numerosi i giovani orientati a settori aziendali e questa proposta di formazione li proietta direttamente nel contesto lavorativo specifico che affronteranno dopo aver conseguito la laurea.

  • Flop dell’intelligenza artificiale, solo due aziende su cinque ne traggono vantaggio


    L’intelligenza artificiale rappresenta ottime possibilità di crescita per le aziende ma solo se viene compresa la sua strategia investendo sul capitale umano. Capirne i meccanismi sembra non essere ancora tra le priorità delle imprese: la maggior parte puntano sull’intelligenza artificiale senza ottimizzarla al meglio, altre sottovalutano le sue potenzialità, altre ancora temono che il suo inserimento destabilizzi la produttività invece di incentivarla. A rivelare il “flop” è lo studio MIT Sloan Management Review (MIT SMR). Gli esperti confidano in un cambiamento di mentalità: tutto deve partire dai nuovi talenti

  • Vendita di beni nel mercato virtuale, in aggiornamento continuo


    Lo shopping on-line è in costante crescita in tutta Europa. I mercati principali si confermano essere il Regno Unito, la Germania e la Francia, ma anche l’Italia ha registrato negli ultimi anni una crescita esponenziale nella vendita e-commerce. La rete, attraverso la complicità dei canali social, rappresenta il futuro di un mercato in continua evoluzione In Italia son 30,5 milioni di individui che utilizzano Internet (sopra i 15 anni), 16,2 milioni hanno fatto un acquisto on-line negli ultimi 3 mesi, mentre quasi 11 milioni sono acquirenti abituali per un giro di affari che si aggira intorno ai 14 miliardi di Euro.

  • Bilancio d’esercizio, come distinguerne le tipologie


    Per le imprese è obbligatorio redigere periodicamente il bilancio d’esercizio. La legge prevede la presentazione di questo insieme di documenti contabili al fine di accertare in modo chiaro e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria dell’esercizio attenendosi al principio di verità. Una pratica che tutte le aziende devono seguire e presentare con attenzione, in questo articolo cerchiamo di capire in che cosa consiste e quali sono le tipologie previste dalla legge Il bilancio d’esercizio: in cosa consiste? Il bilancio d’esercizio è previsto per tutte le imprese, si tratta di un documento formato da tre parti: dallo stato patrimoniale, dal conto economico e dalla nota integrativa.




Leave a Reply

Your email address will not be published.


Comment


Name

Email

Url