Analisi di portafoglio: cliente, prodotto e vendita

Analisi di portafoglio: cliente, prodotto e vendita

Nella maggior parte delle aziende affinché tutto sia gestito al meglio si parla, molto spesso, di analisi di portafoglio, ma cos'è esattamente?

Qui cercheremo di spiegare a grandi linee tutto lo studio e l'attenzione che c'è dietro.

L'analisi di portafoglio è una procedura utilizzata nel management in grado di chiarire su quali business l'azienda dovrebbe investire, su quali non conviene e, soprattutto, la quantità di investimenti necessaria perché si riduca al minimo il rischio di perdita.

Il fine ultimo di questa prassi è proprio quello di evidenziare tutte quelle attività volte a far crescere l'azienda, chiarire i punti deboli e muoversi in questo enorme labirinto chiamato "mercato economico”.

Analisi del portafoglio clienti

Chiarito il concetto di cosa sia un portafoglio è arrivato il momento di spiegare l’importanza di avere un portafoglio clienti estremamente strutturato ottenendo un quadro periodico estremamente chiaro e utile al management dell'azienda.

Mediante questo portafoglio clienti sarà possibile ottenere un riscontro sulle vendite e studiare una strategia futura, in continuo mutamento, con lo scopo di aumentarlo.

Un portafoglio clienti ben strutturato ci consente di conoscere la tipologia di clienti che si affida ai nostri servizi, cercando di dividerli in:

  • Nuovi;
  • Complessi;
  • Con maggior profitto;
  • Ricorrenti;
  • Senza valore.

Per strutturare un buon portafoglio clienti è necessario prima di tutto calcolare la percentuale di incidenza tra i clienti e il totale dei prodotti venduti, in questo modo si avrà chiaro il punto esatto di dove l'azienda si trova consentendo di testare nuove alternative con lo scopo di aumentare le vendite in relazione agli utenti interessati.

In questi casi è fondamentale attuare un’analisi qualitativa e non quantitativa, cercando di capire le varie situazioni e sviluppando strategie commerciali non solo in base ad un valore numerico ma, con una maggiore comprensione dei dati a disposizione.

Per ottenere un buon portafoglio clienti e cogliere, dalle informazioni raccolte, dei dati utili alle vostre strategie è necessario strutturare le informazioni in modo quanto più schematico e strutturato possibile, ottenendo:

  • Dove si trova il cliente: per comprendere meglio le zone dove i vostri servizi sembrano essere maggiormente richiesti;
  • Tipologia di vendita: chiarire quale modalità di vendita viene utilizzata maggiormente in una determinata zona;
  • Tipologia di prodotti acquistati dal cliente: è un tipo di informazione che, come tutte le altre, vanno a delineare maggiormente le preferenze dell'utente e, quindi,  le future scelte commerciali;
  • Tipologia cliente: come abbiamo sottolineato sopra, delineare con chiarezza chi è colui che richiede i nostri servizi e in quale modalità avviene è di fondamentale importanza per dare il giusto valore, considerando il contesto in cui si muove lo studio dei dati;
  • Analisi della rete commerciale.

In una buona analisi del portafoglio clienti è bene attribuire una maggior importanza al profitto e non al fatturato come si può erroneamente supporre.

Gli strumenti utilizzati per ottenere un buon portafoglio clienti sono molti, oltre ad un grafico "gerarchico" è possibile utilizzare strumenti utili come l'applicazione della curva di Lorenz (vale a dire il livello di concentrazione ottenuto dai clienti in riferimento al nostro prodotto e alla sua modalità di presentazione) e la teoria di Pareto, utilizzata per il Problem Solving in economia aziendale, analisi di fatturato, di profitto e per la gestione di risorse umane.

Analisi portafoglio prodotti

L'attività di marketing di ogni azienda deve, prima di ogni passo successivo,  crearsi un ottimo portafoglio prodotti.

Ma cosa significa esattamente?

Se un'azienda vuole iniziare e continuare la propria attività nel migliore dei modi, dopo aver compreso appieno la tipologia di clienti che vuole attrarre a sè, la modalità con cui vuole ottenerla e, soprattutto, cosa desidera esattamente quella tipologia di cliente allora, solo dopo aver chiarito tutto questo, dovrà occuparsi di creare il prodotto o servizio che si vuole offrire.

Il portafoglio Prodotti non è altro che l'insieme di tutti i prodotti offerti dall'azienda al fine di soddisfare le esigenze del suo cliente.

Questi prodotti/servizi creano la cosiddetta linea di prodotto che, al suo interno, possono risultare differenti con lo scopo comune di soddisfare una specifica richiesta.

E' importantissimo avere chiaro questo concetto:

"Stessa esigenza diversi prodotti".

Chiarito ciò è bene sapere che un’azienda, solitamente, non ha un solo portafoglio prodotti ma, ne rappresenta diversi, qui torniamo al concetto iniziale dove si parlava dello studio dei dati per comprendere meglio quanto e dove investire.

Il portafoglio prodotti di ciascuna azienda ha sostanzialmente 4 diverse tipologie di prodotti:

  • Prodotti di successo: chiamati anche prodotti "stars", rappresentano tutti quei prodotti che garantiscono un’ottima redditività, spesso richiedono grandi investimenti nei mezzi finanziari e possono non rappresentare un reale guadagno liquido per l'imprenditore.
  • Prodotti da reddito: chiamati anche cash cows, solitamente garantiscono all'imprenditore flussi finanziari costanti nel tempo. Questo denaro viene solitamente utilizzato per coprire alcuni costi dell'azienda.
  • Prodotti marginali: chiamati anche dogs, sono generalmente prodotti con volumi piuttosto bassi e, solitamente, non generano crescite o perdite all'azienda.
  • Prodotti rischiosi: chiamati anche question marks, sono principalmente prodotti nuovi, entrati da pochissimo nel mercato e richiedono all'azienda elevati costi finanziari. Questi prodotti rappresentano il quesito/rischio dell'azienda.

In conclusione, per un imprenditore e la propria azienda è di fondamentale importanza avere una quantità, ottima direi, di tutti questi dati, mediante analisi clienti, prodotti e vendita, affinché possano essere fatti interventi necessari con lo scopo di migliorare il fatturato e la stessa sopravvivenza aziendale, riuscendo anche a migliorare le stesse politiche di vendita.

Share




Contattaci


Nome


E-Mail


Telefono


Messaggio


Congratulations. Your message has been sent successfully.
Error, please retry. Your message has not been sent.



  • Manager o leader? Due figure diverse per la leadership in azienda


    Molto spesso in contesti aziendali si sente parlare di management e leadership correndo il rischio di associare i due termini a uno stesso ruolo, ricoperto da una singola figura professionale. In realtà i due ruoli all'interno di un'azienda sono nettamente distinti perché le figure possiedono competenze specifiche che si discostano tra loro.  Preso atto di ciò, in questo articolo si cercherà di chiarire i concetti e le distinzioni che assumono un leader e un manager all'interno di una stessa azienda. Il leader all'interno di un'azienda: chi è e quale ruolo ricopre.

  • La successione aziendale: come gestire il passaggio generazionale.


    Un tema molto delicato per ogni azienda è rappresentato dal passaggio generazionale che dovrà essere valutato con un buon anticipo, per evitare di tralasciare punti fondamentali per la stessa attività. Il passaggio generazionale è un evento intenso non solo a livello di dati, procedure tecniche o eventi economici ma, soprattutto, dal lato psicologico. È difficile lasciar andare una propria "creatura" nelle mani di qualcun'altro con la certezza che i propri valori vengano rispettati.

  • Analisi di portafoglio: cliente, prodotto e vendita


    Nella maggior parte delle aziende affinché tutto sia gestito al meglio si parla, molto spesso, di analisi di portafoglio, ma cos'è esattamente? Qui cercheremo di spiegare a grandi linee tutto lo studio e l'attenzione che c'è dietro. L'analisi di portafoglio è una procedura utilizzata nel management in grado di chiarire su quali business l'azienda dovrebbe investire, su quali non conviene e, soprattutto, la quantità di investimenti necessaria perché si riduca al minimo il rischio di perdita. Il fine ultimo di questa prassi è proprio quello di evidenziare tutte quelle attività volte a far crescere l'azienda, chiarire i punti deboli e muoversi in questo enorme labirinto chiamato "mercato economico”.

  • Crisis management: cos’è e come e come gestire crisi aziendali


    Il crisis management è il processo con il quale un’organizzazione fronteggia una situazione potenzialmente dannosa per le prestazioni e la fama aziendale, attraverso l’impiego di alcune pratiche che possano così prevenire, gestire e sedare gli esiti svantaggiosi della crisi. Il crisis management è dunque necessario per far fronte a problemi ed interruzioni che sopraggiungono nelle diverse fasi che compongo un qualsiasi tipo di business, siano essi provocati da eventi interni o esterni alla società, e che daranno vita ad una serie di ripercussioni negative, quali danni di produttività, d’immagine, ed in casi estremi, il fallimento.

  • Gestione clienti: guide e consigli per gestire la clientela


    “Noi consideriamo i nostri clienti come ospiti invitati a una festa, dove noi siamo i padroni di casa. Il nostro lavoro di ogni giorno è quello di rendere ogni importante aspetto dell'esperienza del cliente un po' migliore.” Questo concetto appartiene a Jeff Bezos, fondatore di Amazon.com e parla da solo. Il segreto del successo di un'azienda è, senza dubbio, la gestione delle relazioni con i propri clienti. La gestione del cliente è una parte molto importante nella gestione di un’azienda, un qualcosa che deve essere ben definito e strutturato perché parte fondamentale per il buon funzionamento di un team, indipendentemente dal modello di business che si persegue. Possedere un portafogli clienti molto vasto non è necessariamente segno di successo, proprio perché se la gestione dei clienti non viene fatta in modo assertivo, quei contatti saranno proprio questo: contatti e non clienti.

  • Come aumentare il fatturato dell’azienda


    In un mercato sempre più spietato e competitivo, un imprenditore che abbia come obiettivo quello di mantenere la propria attività in salute e soprattutto competitiva dovrà per forza di cose conoscere minuziosamente l’andamento finanziario del proprio business, avendo quindi sempre sotto controllo la mole di fatturato e la liquidità presente in cassa, per evitare problemi, ridimensionamenti o addirittura il fallimento. Aumentare il fatturato è certamente uno dei desideri più ricorrenti per qualsiasi imprenditore o direttore del marketing che si rispetti, e come riuscire ad incrementare le vendite di prodotti e servizi, realizzando più ricavi, è anch’essa una delle domande più frequenti.




Leave a Reply

Your email address will not be published.


Comment


Name

Email

Url